Focolaio in una casa di riposo a Melfi, sindaco cerca personale: “Aiutiamo i nostri nonni”

È l'accorato sos di Livio Valvano per far fronte all'emergenza esplosa nella struttura, dove sono 29 gli ospiti risultati positivi al covid su 34
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – Un appello per un infermiere e un operatore socio-sanitario disposti a lavorare anche una sola settimana, per quattro ore al giorno, alla casa di riposo San Vincenzo De Paoli. È l’accorato sos lanciato dal sindaco di Melfi (Potenza), Livio Valvano, per far fronte all’emergenza esplosa nella struttura, dove sono 29 gli ospiti risultati positivi al covid su 34. “L’Asp e le autorità sanitarie al momento non hanno dato alcun cenno”, spiega alla Dire il sindaco, che si è visto costretto a rivolgersi ai social per cercare personale che desse sollievo a quello che già opera all’interno della struttura e che è al momento dimezzato perché sottoposto in quarantena e “stremato”. “Potrebbe bastare una sola settimana – continua il sindaco – per far rientrare l’emergenza”. L’appello è ad “aiutare i nostri nonni, i nostri anziani, persone speciali”, dice nel video messaggio Facebook invitando gli interessati a contattarlo personalmente. A Melfi attualmente i positivi sono 135, di cui 35 solo nell’ultimo bollettino comunicato oggi dalla task force della Regione Basilicata. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»