La Toscana ferma le fughe nelle seconde case: “Sì solo a chi ha il medico di famiglia in regione”

Il governatore Giani interviene con un'ordinanza per frenare il trasferimento dalle zone rosse alle seconde case in Toscana
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Giro di vite sulla mobilità inter-regionale in Toscana. Il presidente della Regione, Eugenio Giani, firma un’ordinanza che consente l’accesso alle seconde cose per chi arriva da fuori solo a chi ha in Toscana il medico di famiglia o il pediatra.

In risposta alle sollecitazioni che arrivano da numerose amministrazioni locali, specialmente quelle della costa, il governatore mette un limite alla circolazione per aiutare a contenere l’emergenza Covid-19 e scongiurare, dunque, il sovraccarico del sistema sanitario a causa delle fughe dalle regioni individuate come zone arancioni o rosse. Nei confronti dei trasgressori è prevista una sanzione.

CONSENTITI RIENTRI PER MOTIVI DI LAVORO O SALUTE

Sono consentiti, comunque, i rientri motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute o di studio in coerenza con quanto sancito dal Dpcm del 3 novembre.

“Vogliamo regolare gli accessi alle seconde case- dichiara il presidente Giani- per frenare il trasferimento dalle zone rosse nella nostra regione. Consentire in un momento di emergenza sanitaria di farlo solo a chi ha qui il medico o il pediatra è un’esigenza naturale. Occorre responsabilità- conclude- e rispetto autentico dello spirito delle norme fissate dal governo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»