Giornale radio sociale, edizione del 6 novembre 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ECONOMIA – Vogliamo fare la nostra parte. Alleanza delle Cooperative Sociali che riunisce Agci Solidarietà, Federsolidarietà e Legacoopsociali interviene dopo l’approvazione del Dpcm. Ascoltiamo la presidente di Legacoopsociali, Eleonora Vanni

INTERNAZIONALE – Food Coalition – E’ stata presentata via web l’alleanza mondiale per aiutare i Paesi a far fronte agli effetti della pandemia sui sistemi alimentari e i settori agricoli. L’iniziativa, promossa dal governo italiano e guidata dalla Fao, si pone l’obiettivo di riprendere la strada per il raggiungimento di uno degli Obiettivo di sviluppo sostenibile, l’eliminazione della fame entro il 2030.

SOCIETA’ – “Ip Ip urrà”. Una rete virtuale per sostenere minori e famiglie dalla Val Seriana a Scampia in questo momento storico difficile che stiamo attraversando. È il progetto selezionato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile che vede come capofila l’associazione Chi rom e chi no.

DIRITTI – In mano ai caporali. “Secondo alcuni i dati aggiornati, il 25% delle aziende agricole ingaggiano i cosiddetti operai capisquadra che hanno la gestione di questi nuovi schiavi che possiamo definire del terzo millennio”. Lo ha detto Franco D’Amico coordinatore Servizi statistico-informatici dell’Anmil, durante il webinar ‘Lotta al caporalato: sicurezza e legalità come fondamento di un lavoro dignitoso’. “Si tratta di un giro d’affari che muove intorno ai 5 miliardi di euro l’anno a fronte di paghe che non vanno oltre i 25-30 euro al giorno.

SPORT – Un sogno interrotto. E’ quello dei ragazzi di Tam Tam Basketball di Castel Volturno. Il servizio di Elena Fiorani

In seguito agli ultimi Dpcm, va in stand by ancora una volta il sogno, divenuto già in parte realtà, della Tam Tam Basketball, associazione sportiva di Castel Volturno che è riuscita, anche grazie al sostegno di media e social, a far rientrare nell’ultima legge di bilancio una norma che permette ai minorenni stranieri di partecipare a competizioni ufficiali, superando lo scoglio legale che imponeva un massimo di “due componenti stranieri” per squadra. Un vero problema per la Tam tam, composta esclusivamente da minorenni stranieri di seconda generazione. La squadra offre un’opportunità di crescita e socialità cruciale per questi ragazzi, italiani a tutti gli effetti, ma limitati da leggi miopi e da un processo di integrazione ostacolato da ogni fronte. Ora coach Massimo Antonelli si chiede: “Cosa resta a questi ragazzi senza praticare un po’ di sport, in un contesto dove il crimine e il disagio sono sempre in agguato?”

CULTURA – Restituiamo la musica ai bambini. E’ questo l’appello che la rete delle associazioni musicali e forum terzo settore hanno fatto al ministero dell’Istruzione per garantire continuità percorsi musicali nelle scuole. Tra le richieste anche lo sviluppo di progetti per la DAD e di patti educativi territoriali, oltre alla riattivazione di contratti di collaborazione con gli operatori.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»