Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Icardi: “Troppi ricoveri, in Piemonte reggiamo 10-12 giorni”

L'assessore leghista: "Stiamo attivando dei protocolli per ricoverare in modo più appropriato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Adele Palumbo

TORINO – “Abbiamo una previsione di saturazione degli ospedali da qui a 10 giorni, se non si interviene in modo importante”. Così l’assessore alla Sanità del Piemonte, Genesio Luigi Icardi, intercettato mentre stava entrando questa mattina nel Palazzo della Regione di piazza Castello.

“Dodici giorni al massimo- puntualizza l’assessore della Lega-. Ma stiamo dicendo a tutti che non possiamo reggere nel tempo con questo andamento di ricoveri. Stiamo attivando dei protocolli per ricoverare in modo più appropriato”. Ancora Icardi spiega: “In Piemonte abbiamo una media di 177 ricoveri al giorno. Abbiamo chiesto ai militari di aggiungere posti di ricovero ordinari fuori dagli ospedali, abbiamo in programma la costruzione di un ospedale al parco del Valentino. La gestione dei posti è sotto controllo oggi, ma la nostra è una regione che ricovera molto”. L’assessore ha inoltre assicurato che, nei prossimi giorni, sarà operativo il nuovo presidio ospedaliero Covid pensato nell’ex padiglione 5 di Torino Esposizioni, al parco del Valentino. Questa mattina hanno avuto luogo i sopralluoghi dell’Asl.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»