Ex Ilva, Arcelormittal formalizza la cessione per 12 siti e 11mila lavoratori

Il disimpegno riguarda tutta Italia: oltre a Taranto coinvolti anche Genova, Novi Ligure, Milano, Racconigi, Paderno, Legnano, Marghera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ArcerlorMittal formalizza la cessione di ramo d’azienda per 12 siti in Italia che coinvolgono 10.777 lavoratori. E’ quanto si legge nella comunicazione inviata ai sindacati e al Ministero dello sviluppo economico, dopo l’annuncio di voler lasciare l’ex Ilva di Taranto. Il disimpegno riguarda tutta Italia: oltre a Taranto coinvolti anche Genova, Novi Ligure, Milano, Racconigi, Paderno, Legnano, Marghera.

LEGGI L’ATTO FORMALE DELL’AZIENDA

LEGGI ANCHE

Ex Ilva, Renzi : “Chi vuol chiuderla è pazzo, Sud in ginocchio”

Ex-Ilva, Salvini: “10mila lavoratori in strada per colpa di un governo incapace”

Ex Ilva, Conte pronto a mediare su scudo bis: “Serve la responsabilità di tutti”

E’ durato oltre tre ore il vertice di questa mattina a palazzo Chigi tra il governo e i vertici di ArcelorMittal. Al vertice hanno partecipato  insieme al premier Giuseppe Conte ben sei ministri: Stefano Patuanelli, Nunzia Catalfo, Roberto Gualtieri, Teresa Bellanova, Roberto Speranza e Giuseppe Provenzano. Per l’azienda c’erano il proprietario Lakshmi Mittal e il figlio Aditya Mittal. Non era presente Lucia Morselli, neo amministratrice di Arcelor Mittal Italia.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»