Stasera in tv ‘La La Land’, in prima visione assoluta

Il film ha ottenuto 14 candidature all'Oscar, aggiudicandosi 6 riconoscimenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Serata di grande cinema stasera in tv. Su Rai 1, alle 21.25, andrà in onda in prima visione tv ‘La La Land‘ . Il musical diretto da Damien Chazelle, con Emma Stone e Ryan Gosling, è stato presentato nel 2016 al Festival di Venezia, dove Stone si è aggiudicata la Coppa Volpi per la migliore attrice protagonista. Il film, record di incassi al cinema, ha ottenuto 14 candidature all’Oscar, eguagliando il primato di Titanic e Ben Hur, e aggiudicandosi 6 premi, 7 se contiamo il clamoroso storico scambio delle buste dell’Academy,  per cui venne annunciato erroneamente il riconoscimento di miglior film a ‘La La Land’ al posto di ‘Moonlight’.

LEGGI ANCHE

Trent’anni dal crollo del muro di Berlino: la programmazione Rai dedicata allo storico evento

‘Joker’, lo psicoanalista: “C’è un killer in ognuno di noi”

‘Il cielo sopra Berlino” torna al cinema per i 30 anni dal crollo del muro

LA LA LAND, SINOSSI

Il film è ambientato a  Los Angeles dove Mia sogna di recitare e, tra un provino e l’altro, serve caffè e cappuccini alle star. Sebastian è un musicista jazz che suona nei piano bar. I due si incontrano e nasce una travolgente passione, nutrita anche dalla comune volontà di realizzare i propri sogni, ma quando il successo arriverà cosa accadrà alla loro relazione?

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»