hamburger menu

Famiglie intossicate da una verdura velenosa, una persona è grave

Hanno mangiato mandragora, erroneamente scambiata per spinaci e biete, acquistata in negozi di verdura dell'area flegrea

Pubblicato:06-10-2022 10:27
Ultimo aggiornamento:06-10-2022 17:42
Canale: Napoli
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

NAPOLI – Questa notte i carabinieri della compagnia di Pozzuoli (Napoli) sono intervenuti all’ospedale Santa Maria Delle Grazie per alcune persone ricoverate per intossicazione. Uno dei pazienti è in prognosi riservata. Si tratta di persone appartenenti a diversi nuclei familiari che avrebbero ingerito verdura probabilmente velenosa, acquistata in diversi negozi dei comuni di Quarto e Monte di Procida.

La sintomatologia sarebbe riconducibile a una intossicazione da mandragora, pianta che si sarebbe confusa con spinaci e biete. La mandragora sarebbe stata venduta sfusa e non imbustata. Sono in corso accertamenti condotti da personale dell’Asl e dai carabinieri.

A seguito di accertamenti che i carabinieri hanno svolto in sinergia con i colleghi del Nas e con personale specializzato delle Asl competenti, è emerso che alcuni dei lotti sono stati commercializzati da società di Forio d’Ischia e Volla (Napoli), Aversa (Caserta), San Valentino Torio (Salerno) e Avezzano (L’Aquila). Si sta percorrendo la filiera di distribuzione per rintracciare i lotti verosimilmente a rischio “mandragora”. Le Aziende sanitarie locali hanno sottoposto l’alimento a blocco ufficiale per effettuare campionamenti e analisi. 

Il sindaco di Pozzuoli Luigi Manzoni raccomanda ai cittadini di “evitare di acquistare e consumare verdure simili alla mandragora sfuse”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-06T17:42:44+01:00