Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scoperto in Nuova Zelanda il cavalluccio pigmeo, avrà un nome maori

cavalluccio pigmeo
A contribuire all'assegnazione della una nuova specie a cui il piccolo e colorato animale apparterrà è stata una comunità di nativi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una comunità di nativi ha contribuito formalmente all’assegnazione del nome scientifico di una nuova specie animale. È successo in Nuova Zelanda, dove una rappresentanza della comunità degli Ngatiwai, appartenente al gruppo dei Maori, ha selezionato insieme a due scienziati la nomenclatura ufficiale di una tipologia di cavalluccio marino pigmeo individuata nei territori dei nativi in un arcipelago a largo delle coste nord-orientali del Paese.

Il piccolo e colorato animale, circa sei centimetri di lunghezza, è un pesce appartenente alla famiglia delle Syngnathidae. È stato osservato per la prima volta nel 2011 nelle acque della riserva marina delle isole Poor Knights.

Inizialmente scambiato per una rara specie già nota, nel 2017 è diventato oggetto di studio da parte di uno scienziato della California Academy of Sciences, Graham Short, al quale si è poi unito il responsabile di scienze naturali del Tamaki Paenga Hira Auckland Museum, Thomas Trnski. I due esperti hanno infine deciso di coinvolgere i Ngatiwai nel processo di decisione del nome. Il risultato di questa collaborazione, “la prima di questo tipo nella storia per quanto ne sappiamo”, ha riferito Trnski, è stato il nome scientifico Cylix tupareomanaia. Il nome verrà ora registrato nell’International Code of Zoological Nomenclature. La definizione è l’unione delle parole Cylix, un neologismo che origina dalla parola greco-latina che significa calice, e tupareomanaia, un termine nativo che può essere tradotto come “la ghirlanda del manaia”. Quest’ultima parola significa sia cavalluccio marino che antenato e indicherà anche il nome comune dell’animale, che sarà appunto cavalluccio pigmeo manaia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»