Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rubato a Pompei un chiusino in marmo dalla Domus di Sirico

chiusino marmi_pompei-min
Sottratto tra la giornata del 30 settembre e quella del 4 ottobre. In corso le verifiche attraverso l'impianto di videosorveglianza interno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Rubato a Pompei un chiusino in marmo di forma circolare, del diametro di 20 centimetri. Il reperto si trovava all’interno della Domus di Sirico, nel Regio VII insula 1 del parco archeologico di Pompei. A scoprire il furto il personale della Soprintendenza del parco. L’area è accessibile al pubblico e interessata recentemente da lavori di restauro. Il chiusino sarebbe stato sottratto tra la giornata del 30 settembre e quella del 4 ottobre. Indagano i carabinieri della stazione di Pompei. 

“La direzione del Parco ha provveduto a denunciare immediatamente il furto alle forze dell’ordine. Sono tuttora in corso verifiche, attraverso l’impianto di videosorveglianza interno per ricostruire l’accaduto, che auspichiamo forniscano elementi per il recupero del reperto”. Lo dice il direttore del parco archeologico di Pompei Gabriel Zuchtriegel commentando il furto.Nello specifico il rivestimento marmoreo della bocca di cisterna presente in un ambiente della domus era stato sottoposto ad un intervento di messa in sicurezza ed erano state messe in opera delle staffe metalliche per garantire un appoggio migliore al reperto stesso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»