Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lobby nera, indagato l’eurodeputato FdI Fidanza: “Sono sereno”

carlo fidanza fdi
Il capodelegazione del partito di Giorgia Meloni a Bruxelles indagato per finanziamento illecito e riciclaggio insieme al 'Barone nero' Jonghi Lavarini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho appreso poco fa dagli organi di stampa di essere stato iscritto sul registro degli indagati a seguito dell’inchiesta di Fanpage. Al momento non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale. Sono sereno e ovviamente a disposizione della Procura per chiarire quanto prima ogni aspetto di questa vicenda”. Così il capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo, Carlo Fidanza, a proposito della notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati con l’ipotesi di finanziamento illecito e riciclaggio. Con Fidanza, è indagato anche Roberto Jonghi Lavarini, detto ‘il Barone nero’.

lobby nera fidanza jonghi lavarini valcepina

Il caso su presunti finanziamenti illeciti, riciclaggio e relazioni di esponenti del partito di Giorgia Meloni con neofascisti e lobby nere è nato dopo un’inchiesta giornalistica di Fanpage rilanciata dalla trasmissione ‘Piazzapulita’ di La7. Un cronista si è infiltrato e ha documentato dialoghi su possibili operazioni in nero per finanziare la campagna elettorale di una esponente di FdI, Chiara Valcepina, che è stata eletta in Consiglio comunale e non risulta indagata.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»