Scrive “Torna l’umanità” per l’addio ai dl sicurezza e viene investita di minacce: “Immigrato ti stuprerà”

La giovane dem di Rimini Francesca Lappezzata ha ricevuto minacce e insulti per il solo fatto di aver commentato sui social la modifica dei decreti sicurezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Non ti lamentare se poi un immigrato clandestino ti stuprerà”; “Porta lo zoo a casa tua“; “Ma hai un cervello o un criceto in testa?”; “Ti auguro di essere la prima ad assaporare questa umanità”; “Negriera di merda” e il grande classico “Ti auguro li portino tutti i casa tua“. Sono ben 140 i commenti sotto al tweet di Francesca Lappezzata, attivista dei Giovani democratici di Rimini che in poche ore è diventata bersaglio degli ‘odiatori’ da social network. Il motivo? Una parola a sostegno della modifica dei decreti Sicurezza da parte del Governo.

È tornata l’umanità“, ha scritto Lappezzata. Tre parole che hanno scatenato il popolo del web con insulti e minacce. “Sono bastate poche righe e l’espressione di un pensiero molto chiaro quanto condivisibile a scatenare una serie di commenti a dir poco agghiaccianti“, scrivono in un post su Facebook i Giovani democratici dell’Emilia-Romagna, esprimendo piena solidarietà alla loro attivista.

LEGGI ANCHE: Ok ai nuovi dl sicurezza e immigrazione. “I decreti propaganda di Salvini non ci sono più”

“Questi attacchi sono espressione di una parte malata della nostra società, che sfoga il proprio odio e le proprie frustrazioni via web su di una ragazza di poco più di vent’anni che si è limitata a esprimere una sua opinione politica personale”, scrivono i Giovani dem regionali allegando le foto degli insulti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»