Aerospazio, vicesindaco di Napoli: “In Campania rappresenta settore trainante”

Lo dichiara alla Dire Enrico Panini, a margine dell'evento "Emergenza Aerospazio: prospettive e ricadute per il Mezzogiorno"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “L’aerospazio in Campania e nel Mezzogiorno rappresenta e ha rappresentato fino ad ora un elemento trainante in termini di occupazione, ricerca e innovazione”. Cosi’ alla Dire il vicesindaco di Napoli, Enrico Panini, a margine dell’evento, all’Hotel Ramada di Napoli, “Emergenza Aerospazio: prospettive e ricadute per il Mezzogiorno”. “Gli effetti del lockdown e di politiche sbagliate che hanno concentrato i centri direzionali e alcune produzioni esclusivamente al Nord – evidenzia – oggi stanno mettendo in crisi profondamente questo settore. Dema è una delle situazioni più evidenti, abbiamo però un tessuto in grande difficoltà. Come amministrazione comunale siamo interessati a fare da interfaccia tra le forze sindacali e le istituzioni perché ci interessa non solo che l’aerospazio tenga nella nostra regione, ma che non si disperdano l’occupazione e quel rapporto con la ricerca e l’innovazione fondamentale – conclude Panini – per competere nel panorama mondiale”.

DEMA, RE DAVID: “GOVERNO SI IMPEGNI PER RISOLVERE VICENDA”

“Dema fa un po’ da congiunzione tra il ragionamento su Whirlpool e il tema dell’aerospazio. Abbiamo nel Mezzogiorno i più grandi stabilimenti e i piu’ innovativi stabilimenti di aerostrutture. In una fase particolare, di immobilità anche a livello mondiale determinata dal Covid, le aerostrutture ne risentono”. Così la segreteria generale della Fiom Cgil, Francesca Re David, a margine dell’evento “Emergenza aerospazio” all’hotel Ramada di Napoli.

LEGGI ANCHE: Whirlpool, Re David: “Vicenda deve trovare una soluzione positiva”

Per Re David ci vuole “una strategia complessiva di Leonardo che tenga insieme difesa e civile, oltre a un impegno dello Stato di rilancio forte di questi stabilimenti e di rilancio di un’attività strategica. Nel contempo pensiamo che le attività come Dema che lavorano nel settore, così come l’indotto, debbano trovare una soluzione importante e positiva e pensiamo che l’impegno del governo debba essere centrale da questo punto di vista per la risoluzione della vicenda”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»