Manca il numero legale alla Camera, Pd: “È a causa degli assenti per Covid”. Lega: “Problema politico, venga Conte”

Si stavano votando le risoluzioni alle comunicazioni di Speranza. La seduta è stata rinviata
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Mentre si votavano le risoluzioni sulle comunicazioni del ministro Roberto Speranza, è mancato il numero legale in aula alla Camera.

Il presidente di turno Ettore Rosato ha annunciato l’intenzione di voler rinviare la seduta di un’ora. Intanto Emanuele Fiano per il Pd ha fatto presente che questo capita “a causa del Covid, o perché i deputati sono positivi o perché” rispettano l’isolamento fiduciario.

LEGGI ANCHE: Sconvocata la commissione Bilancio alla Camera, Lorenzin è positiva al Coronavirus: “Non so come l’ho preso”

Non possiamo continuare come nulla fosse l’andamento dei lavori. Lei sa il numero di persone che su richiesta dei questori sono rimaste a casa. Io chiedo di verificare se il numero degli assenti nel gruppo di maggioranza perché richieste di non partecipare al voto inficia la mancanza del numero legale”, dice Fiano.

Emanuele Fiano spiega che il Pd “ha impedite – secondo la legge – a partecipare 21 persone. Nel gruppo del M5S sono 14, più 5 Iv e 1 Leu”.

In totale in maggioranza gli assenti per Covid sono 41. “Per questo noi chiediamo che si riunisca la capigruppo perchè questo problema di ordine regolamentare va risolto. Noi tra un’ora non saremo comunque in grado e non dobbiamo essere in grado di garantire la presenza di queste persone che, secondo legge e per autorità medica, non possono venire in Parlamento”, aggiunge Fiano.

Il capogruppo del M5s Davide Crippa ricorda che “il numero legale non è stato raggiunto per 15 deputati. Alle opposizioni dico che non capisco i motivi di tanti festeggiamenti perche’ la mancanza del numero legale non vuol dire non avere la fiducia”.

Se Riccardo Molinari della Lega accusa la maggioranza di “voler imporre una forzatura ma di non avere neppure i numeri per farlo”, Maria Stella Gelmini di Forza Italia ‘chiama’ il premier in Parlamento: “Ma voi pensate davvero che il dialogo con l’opposizione – dice- debba servire solo a voi per garantire il numero legale, o volete un rapporto vero e ripristinare un metodo di confronto? Se ci sono colleghi positivi al Covid, ci saranno anche tra un’ora. Noi chiediamo che il premier Conte venga in quest’Aula. Noi vogliamo discutere con il presidente del Consiglio della proroga dello stato d’emergenza, la nostra è una richiesta di buon senso“.

LA LEGA: “PROBLEMA POLITICO, VENGA CONTE IN AULA”

“Noi vogliamo che venga qui il presidente del consiglio”, dice Riccardo Molinari della Lega.

È evidente che se dopo un’ora non riuscite a garantire il numero legale, vuol dire che c’è un problema politico. Volete fare gli autoritari senza avere neanche la forza di farlo”, aggiunge.

SEDUTA RINVIATA

Dopo un’ora, il numero legale è mancato ancora una volta. “Mancano 8 deputati per il numero legale”, ha annunciato il presidente di turno Ettore Rosato.
“Apprezzate le circostanze la seduta per il primo voto utile” sulle risoluzioni dopo la comunicazione “e’ rinviata a domani”,  ha concluso il presidente di turno.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»