Editoria, Capezzone: “‘Likecrazia” cittadini e sinistra snob”

Intervista a Daniele Capezzone sul suo libro 'Likecrazia. Lo show della Politica in tempo di pace e di Coronavirus'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non ho una visione totalmente pessimistica della nuova agorà in cui siamo immersi. Sono convinto che sia una realtà non modificabile, piaccia o no” dice Daniele Capezzone nella videointervista all’agenzia Dire a proposito del suo libro ‘Likecrazia. Lo show della Politica in tempo di pace e di Coronavirus’.

“La mia opinione è che sia inutile lamentarsi o trasformare un circo in una cattedrale, è meglio attrezzarsi al meglio per far circolare le proprie idee. Questo è un invito a tutti, con qualche calcetto negli stinchi agli intellettuali progressisti, quella sinistra al caviale a non avere l’atteggiamento giudicante e l’arietta di superiorità rispetto ai cittadini. Penso che dobbiamo tutti tenere a mente la regola fondamentale della democrazia secondo cui non sono gli eletti o i commentatori a dare i voti alla gente, ma il contrario”.

Ma sulla rete non c’è il rischio di godere di un consenso effimero? “Certo- risponde Capezzone- c’è il rischio di superficialità della vita pubblica e per cittadini di votare semplicemente per il leader con cui in quel momento vorrebbero prendere un caffè, o per i leader di essere prigionieri di questo tipo di concetto. Ma è pur vero che chiunque pensasse di poter fare il leader politico pensando di fare a meno della rete, dei social, farebbe la fine di un animale preistorico“.

Infine, una riflessione sulla comunicazione politica del futuro: “Non penso che i leader di domani possano accantonare l’interazione diretta con i cittadini a favore della comunicazione in rete- ha sottolineato l’ex radicale- in rete il contatto diretto con i cittadini ha molteplice valenza. Qui il politico non ha protezioni, non ha guardie del corpo quindi lo si può raggiungere, incalzare in una situazione di forte parità. A me sembra molto bello che i cittadini – al netto di qualche imprecisione o superficialità – possano in modo così penetrante partecipare a discussioni come quelle attuali sul Recovery Fund o il mes. E’ un rovesciamento positivo del mito negativo del Grande Fratello, lì è lui che controlla tutti, in questo caso invece ci sono tanti piccoli grandi fratellini che possono controllare il potere”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»