Orsi, annullata ordinanza per cattura esemplari troppo vicini ai centri abitati

Il presidente della Provincia di Trento ha annullato la decisione del 27 agosto reputando sufficiente mantenere in atto un monitoraggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRENTO – Niente più cattura per gli orsi che si dovessero avvicinare ai centri abitati di Andalo e di Dimaro Folgarida. L’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) festeggia in una nota la decisione della Provincia di Trento di  annullare l’ordinanza che prevedeva la cattura e la detenzione degli esemplari che si fossero in qualche modo avvicinati ai due centri abitati, anche in assenza di danni. Con un nuovo atto firmato ieri, il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti chiede al Corpo forestale di mantenere attivo il monitoraggio (almeno fino al 30 novembre) ma fa decadere l’obbligo di cattura. 

LEGGI ANCHE: ‘Papillon’ torna in gabbia, l’orso M49 è stato catturato con una trappola a tubo

“Questa decisione ci rallegra e ne riconosciamo il buon senso”, commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. “Le nostre battaglie legali proseguono. Siamo ancora in giudizio per l’annullamento dell’ordinanza di cattura dell’orsa JJ4, madre di tre cuccioli, e per la massima tutela dei tre orsi detenuti al Casteller e attualmente chiusi nelle cosiddette ‘tane’, in realtà celle di pochi metri quadri”.

Il testo dell’ordinanza di revoca prova che, con un buon monitoraggio e con qualche semplice espediente, come l’installazione di bidoni anti-orso, e forse con qualche precauzione in più da parte di cittadini e turisti, si azzerano i rischi di “scontrarsi” con un orso.

LEGGI ANCHE: Wwf: “L’orso M49 non può stare al Casteller”. E l’Enpa impugna ordinanza per l’altro orso

L’OIPA CHIEDE IL SEQUESTRO DEL CENTRO DEL CASTELLER

Ma le battaglie legali dell’Oipa a difesa degli orsi trentini proseguono. L’associazione ha presentato alla Procura della Repubblica di Trento istanza di sequestro preventivo del Centro faunistico della Provincia Autonoma di Trento “Casteller” per inidoneità della struttura a ospitare gli orsi attualmente detenuti, e gli altri che si prevede di catturare. L’associazione si riserva inoltre di presentarsi nell’eventuale giudizio anche come parte civile.

L’istanza di sequestro si aggiunge all’esposto per maltrattamento già depositato per l’orso M49 che, a seguito dei risultati del sopralluogo nel centro di detenzione svolto dagli esperti inviati dal ministero dell’Ambiente, è stato integrato da una denuncia querela a tutela anche degli altri due orsi.

LEGGI ANCHE: Orso M49, Costa: “Saperlo in gabbia fa male, meglio radiocollare”. E ordina un controllo al Casteller

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»