Venezia, Brugnaro: “Toninelli senta anche sindaco, non solo comitati”

"Ritengo giusto che il ministro senta anche le nostre campane"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Noi siamo a disposizione e mi piacerebbe parlare con il ministro Toninelli. Io sono il rappresentante istituzionale della città di Venezia e ritengo giusto che il ministro senta anche le nostre campane e non soltanto i comitati vari che scrivono su internet: sarebbe un nel modo per affrontare i problemi”. Lo dice il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, intervistato dalla Dire a margine della convention di Forza Italia, all’Hotel Gallia di Milano.

Leggi anche: Brugnaro contro Toninelli: “Caro ministro, qui abbiamo un problemino..”

Brugnaro tempo fa ha deciso di lanciare un appello per l’ipotesi di un commissariamento speciale sulle particolarità veneziane, alla stregua dell’iter intrapreso sul ponte Morandi a Genova. “Io con il sindaco Bucci ho amicizia e abbiamo firmato un protocollo prima che avvenisse la tragedia del ponte– dice- su un’alleanza tra il porto di Venezia e il porto di Genova per inserire i due porti all’interno della via della Seta cinese. Per quanto riguarda Venezia c’è da capire quali siano le opere e vanno spacchettate: un conto è il Mose, un conto sono le grandi navi, un conto è il moto ondoso, un conto è porto Marghera“, precisa.

 

Leggi anche: Governo, Brugnaro: “Libertà in pericolo con questi matti”

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»