Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ‘Sentiero del brigante’ entra nell’Atlante dei cammini d’Italia

Il Gea (gruppo escursionisti d’Aspromonte) ci ha creduto fin dall'inizio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Gli escursionisti, gli appassionati di montagna e i turisti, nell’Atlante dei Cammini d’Italia troveranno anche il Sentiero del Brigante. L’itinerario di lunga percorrenza che collega Gambarie (Reggio Calabria) a Serra San Bruno (Vibo Valentia) e Stilo (Reggio Calabria), unico in Calabria a figurare nell’importante sistema dei sentieri italiani insieme al “Cammino di San Francesco di Paola”, è entrato a pieno titolo fra quelli censiti nel progetto del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Soddisfazione per il riconoscimento è stata espressa dal Sandro Casile, presidente del Gea (gruppo escursionisti d’Aspromonte) tra i maggiori promotori e sostenitori dell’inserimento del Sentiero del brigante tra i Cammini d’Italia.

L’edizione dell’Atlante conclude il percorso di ricognizione e valutazione dei cammini, disseminati in ogni regione d’Italia, iniziato con la direttiva ‘2016 – anno dei cammini d’Italia‘, emanata dal ministro Dario Franceschini, che ha coinvolto il segretariato generale e la Direzione generale Turismo e i segretariati regionali, per la creazione di un sistema nazionale di cammini secondo una strategia di turismo sostenibile, ad alto contenuto esperienziale, e attraverso la valorizzazione integrata del patrimonio culturale, paesaggistico, ambientale. Finalità dell’Atlante è quella di valorizzare itinerari culturali di particolare rilievo nazionale ed europeo, percorribili a piedi o con altre forme di mobilità dolce sostenibile, che rappresentano una modalità di fruizione del patrimonio naturale, ambientale, storico e culturale diffuso, nonché una occasione di valorizzazione degli attrattori naturali e culturali dei territori interessati.

di Mario Vetere, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»