Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Catturato un pitone di due metri, era lungo la strada in collina

E' successo a Bologna: a segnalarlo alla Polizia della Città metropolitana sono stati alcuni passanti molto spaventati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

BOLOGNA – Era davvero difficile non notarlo. E per di più era aggressivo e poco ben disposto verso chiunque cercasse di avvicinarlo. Ma alla fine, ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia provinciale della Città metropolitana di Bologna, sono riusciti a catturarlo e consegnarlo al Centro Recupero Fauna Selvatica di Brento. Si tratta di un pitone lungo circa due metri avvistato da alcuni passanti piuttosto spaventati. Sono loro che hanno fermato gli agenti della ex Polizia provinciale impegnati nel servizio di vigilanza ambientale lungo la Fondovalle Savena, la strada che collega Pianoro a Loiano e Monzuno, indicandogli la presenza di un grosso rettile a bordo strada, nelle vicinanze del bivio per Scascoli, nella zona delle cosiddette ‘Gole’.

Appunto un esemplare di pitone “in buono stato di salute e con atteggiamenti aggressivi nei confronti di chiunque cercasse di avvicinarlo”, sottolinea la Città metropolitana. Il pitone è stato catturato dagli agenti e preso in custodia dai Vigili del fuoco, intervenuti sul posto poco dopo la cattura, e poi portato al vicino Centro recupero fauna selvatica di Brento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»