NEWS:

Il Volo a Sanremo 2024? La risposta del trio a Rtl 102.5

Il trio si prepara anche a festeggiare i primi 15 anni di carriera

Pubblicato:06-09-2023 16:16
Ultimo aggiornamento:06-09-2023 16:16
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – A cinque mesi dal Festival di Sanremo cominciano a circolare rumors sui possibili nomi che prenderanno parte alla kermesse, in programma dal 6 al 10 febbraio del prossimo anno. E tra i nomi che pubblico vorrebbe rivedere c’è anche Il Volo.

I tre artisti (Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble) hanno commentato a Rtl 102.5, ospiti di Angelo Baiguini e Federica Gentile, un loro possibile futuro incrocio con la manifestazione: “Siamo nati all’Ariston nel 2009, siamo tornati nel 2015 con ‘Grande Amore’, nel 2019 con ‘Musica che resta’, e poi chissà, vedremo”.

La porta del Teatro Ariston rimane aperta, anche perché il trio ha ben chiaro dove puntare: “Stiamo per festeggiare 15 anni di carriera, un traguardo importante. Avere successo è difficile, ma mantenerlo è ancora più difficile. Abbiamo vinto il Festival di Sanremo otto anni fa, e da allora la musica è cambiata. Abbiamo la fortuna di avere un repertorio che ci permette di variare, ma il nostro obiettivo è costruire un repertorio solo nostro“.


IL VOLO IN TOUR

Durante “W l’Italia”, il trio ha anche raccontato in diretta in radiovisione “Tutti per uno”, i sei speciali appuntamenti al Teatro Arcimboldi Milano.

Iniziato il 2 settembre, lo show proposto per la prima volta a giugno all’Arena di Verona, prosegue per altre per altre tre date: 6, 8 e 9 settembre. È la prima volta che Il Volo si esibisce in un teatro in Italia, instaurando così un legame speciale con il pubblico in un’atmosfera più intima. “Questi concerti nascono dal desiderio di portare in teatro lo spettacolo che abbiamo realizzato qualche mese fa all’Arena di Verona, ‘Tutti per uno’ è un concept in cui ognuno di noi può esprimere il proprio lato artistico più personale. Non avevamo mai cantato nei teatri italiani e abbiamo fatto base fissa al Teatro Arcimboldi”, ha raccontato Piero.

Sul palco, i ragazzi, accompagnati dall’Orchestra, oltre ad esibirsi nei loro classici ormai entrati nei cuori dei fan, si alternano regalando al pubblico le loro voci soliste. “Siamo stati spesso chiamati i ‘Tre Tenori’, ma questa definizione non è del tutto corretta. Lo spettacolo è nato per mostrare che siamo tre cantanti diversi, ognuno di noi con una personalità artistica ben definita. Cerchiamo quindi di mostrare le nostre personalità più eclettiche”, ha detto Gianluca.

Il trio ha parlato anche del prossimo tour europeo, in partenza da settembre: “Presto inizieremo il nostro tour europeo, toccando città in cui non siamo mai stati prima. Canteremo in luoghi molto prestigiosi”, ha raccontato Ignazio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it