Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No vax lanciano uova sull’auto di Toti

uova lanciate su auto di toti
Un gruppo di cittadini, contrari alla posizione espressa dal presidente della Liguria sui vaccini, si è accordata su Telegram per il lancio di uova e deiezioni canine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lancio di uova da parte di alcuni no vax contro l’auto privata del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. È accaduto oggi pomeriggio a Spotorno, dove il governatore era in visita nell’ambito di un tour politico nel savonese. Sul posto era presente un gruppo di cittadini, contrari alla posizione espressa dal presidente della Regione sui vaccini anti Covid-19 e sull’estensione dell’uso del green pass. Toti non era a bordo dell’auto, colpita dalle uova mentre era parcheggiata.

uova lanciate su auto di toti

Nei giorni scorsi nelle chat no vax attivate sul canale social Telegram erano apparsi messaggi in cui veniva dato appuntamento per partecipare al lancio di uova (e deiezioni canine) contro il governatore in occasione della sua visita a Spotorno. Il presidente Toti ha reso noto l’accaduto con un post sulla sua pagina Facebook: “Fatta la frittata le uova non tornano intere, amici no vax (o in questo caso meglio dire no brain) ecco, la prossima volta portatele cotte!”. Sul posto erano presenti le forze dell’ordine che hanno identificato gli autori del gesto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»