Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Forza Nuova guida la protesta ‘no Green pass’, fermato e rilasciato leader estrema destra Castellino

"Questa mattina alcuni nostri attivisti sono stati fermati e portati in questura", dice il segretario di Forza Nuova. Una cinquantina le persone in piazza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Invocano “la libertà” e si schierano apertamente contro il green pass, “un atto di discriminazione violentissimo nei confronti del nostro popolo”. Sono i no-vax e i no-green pass riuniti questa mattina al Pantheon a Roma. A guidarli il segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore, con lui anche il Comitato Liberi Pensatori, associazioni di mamme, partite Iva.

Si sono ritrovati qui dopo aver visto bloccati dalle forze di polizia gli accessi a piazza Montecitorio, luogo originario della protesta secondo quanto emergeva dalle chat Telegram degli ultimi giorni. La protesta viene portata avanti alla fine da una cinquantina di persone che lamentano “un fortissimo dispiegamento di forze di polizia”.

Questa mattina alcuni nostri attivisti sono stati fermati e portati in questura“, spiega Fiore per giustificare gli scarsissimi numeri in piazza. Tra i fermati anche Giuliano Castellino, storico leader dell’estrema destra romana. “Erano i nostri punti di riferimento per la protesta che si sarebbe dovuta svolgere a Montecitorio- aggiunge- altre decine di persone sono state fermate dalla polizia che ha loro intimato di non raggiungere piazza Montecitorio”.

Secondo Fiore “c’è un potere sempre più immobile e cattivo nei confronti del popolo, noi diciamo che ogni atto repressivo o manganellata non fa che moltiplicare le persone che in tutta Italia si schierano contro il green pass”. Anche perchè, ricorda il leader di Forza Nuova, “il green pass è stato già rifiutato da tutti, a parte la Francia”.

In piazza anche alcune mamme, espongono lo striscione ‘Giù le mani dai bambini’ e si oppongono al vaccino sui minori. “Difendiamo la vita dei nostri figli, per un futuro libero e democratico”, protestano. Infine le partite Iva, furiose per le restrizioni ancora in vigore: “ci hanno chiuso le attività dandoci miserie. Abbiamo perso 900mila posti di lavoro e 400mila imprese sono chiuse. Così non può continuare”. 

GREEN PASS, CASTELLINO PORTATO IN QUESTURA E RILASCIATO: COSÌ È LA STASI

GIULIANO CASTELLINO, FORZA NUOVA

Il leader romano di Forza Nuova Giuliano Castellino è stato fermato questa mattina dalla polizia a Roma insieme ad altri quattro organizzatori della manifestazione che doveva svolgersi inizialmente a piazza Montecitorio e che si è poi spostata al Pantheon. Castellino è stato portato in questura e rilasciato dopo qualche ora. A comunicarlo è lui stesso in un video su facebook.

Questa mattina è partita la caccia all’uomo della Stasi– ironizza- hanno tentato di bloccare gli organizzatori della manifestazione di oggi. In tre siamo già fuori, mancano gli ultimi due che tra poco usciranno”. Secondo Castellino “ormai va così: la scorsa settimana Lamorgese, ieri Mattarella. E’ caccia all’uomo nei confronti di chi decide di non piegarsi alla vaccinazione obbligatoria e al green pass”, è quindi in corso “una vera e propria lotta per la liberazione”. Al momento, conclude Castellino, “c’è una stragrande maggioranza piegata alla tirannia sanitaria, e dall’altra ci siamo noi che vogliamo costruire un fronte della liberazione per dare riscatto al nostro popolo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»