Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I sindaci dicono basta ai monopattini senza casco: a Sesto San Giovanni prime multe

monopattino elettrico
Il Comune milanese è il primo a emettere sanzioni. A breve seguirà anche Firenze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Nel fine settimana la Polizia Locale di Sesto San Giovanni ha emesso cinque sanzioni a persone maggiorenni che non indossavano il casco mentre erano alla guida di monopattini elettrici in viale Gramsci, via Rovani, viale Marelli, viale Italia.

Siamo il primo Comune a emettere queste sanzioni, facendo rispettare l’ordinanza sindacale che ho firmato settimana scorsa – spiega il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano -. I monopattini non sono mezzi da demonizzare, fanno parte della quotidianità delle nostre città, ma vanno assolutamente regolamentati per evitare altre tragedie. Mettersi il casco, pertanto, deve diventare un movimento automatico appena si sale sul monopattino”.


A Sesto San Giovanni la Polizia Locale sta intensificando i controlli sulle piste ciclabili, nelle zone pedonali, nei parchi, nelle vie e nelle piazze principali della città per far rispettare l’obbligo del casco anche per i maggiorenni. Il mancato rispetto dell’ordinanza sindacale a proposito dell’obbligo del casco prevede una sanzione di 50 euro. E presto anche a Firenze sarà obbligatorio indossare il casco. In attesa di una legge nazionale invocata da più sindaci.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»