Dante 2021, al via le celebrazioni per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

Il segretario generale della Società Dante Alighieri Alessandro Masi: "Simbolo dell'Italia nel mondo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Società Dante Alighieri aderisce “con entusiasmo” alle celebrazioni del 700° anniversario della morte di Dante, inaugurato alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’evento ravennate del 5 settembre. Con l’occasione, sono stati riaperti sia la Tomba del Poeta che il vicino Quadrarco di Braccioforte, entrambi restaurati da poco.

“Commemorare Dante significa rendere omaggio al padre della nostra lingua e ad un caposaldo della letteratura europea e mondiale. Significa anche celebrare il simbolo che racconta al mondo l’Italia, il suo umanesimo e la sua identità fatta di bellezza e accoglienza” ha dichiarato il segretario generale della Società Dante Alighieri Alessandro Masi, presente alla cerimonia inaugurale.

Nel 2021 il nome del Sommo Poeta risuonerà in tutto il mondo, con iniziative d’arte e cultura realizzati in tutta la rete dei Comitati Dante e con nuovi progetti per promuovere e rilanciare la bellezza dell’Italia, l’Italia di Dante.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»