Conte: “Draghi? Lo proposi per la Commissione europea, ma era stanco…”

Della Vedova (Più Europa): "La frase del presidente del Consiglio è anti-istituzionale e denota paura"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A chi gli chiede di Mario Draghi, da molti caldeggiato come nuova guida della Presidenza del Consiglio, Giuseppe Conte risponde minimizzando.

“Avrei visto molto bene Draghi come presidente della Commissione europea e avevo cominciato a lavorarci con alcuni colleghi europei ma lui mi disse che era stanco e voleva riposarsi un po’, credo che lo si tiri in ballo invano”, ha rivelato Conte.

E ancora. “Draghi? La mia sensazione è che quando si invochi il suo nome lo si tiri per la giacchetta. Non è un rivale, è una persona di valore, un’eccellenza che ha fatto molto bene nei ruoli che ha ricoperto”, ha poi aggiunto ieri il presidente del Consiglio ospite del Fatto Quotidiano.

DELLA VEDOVA: “LA FRASE DI CONTE DENOTA PAURA”

“Conte ieri ha battuto una serie di colpi a vuoto. La frase su Draghi è peggio che infelice. E’ anti-istituzionale e probabilmente denota paura”. Lo ha detto il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova, ospite a Omnibus.

“Il Presidente del Consiglio ha liquidato con una battuta derisoria ‘l’avrei proposto alla presidenza della Commissione Ue ma lui era stanco’ una delle personalità a cui tutti guardano. Draghi è stato un grande banchiere centrale prima in Italia e poi in Europa, e ha un livello di standing internazionale come poche altre figure oggi in Italia. Un Presidente del Consiglio non dovrebbe fare una battuta di questo tipo”, ha concluso Della Vedova.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»