Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giornata mondiale fisioterapia, Aifi a Tirrenia e in tutta Italia

L'8 settembre eventi con cittadini: importante affidarsi a #lemanigiuste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Torna anche il prossimo 8 settembre la Giornata mondiale della Fisioterapia, nata nel 1996 su iniziativa
della Wcpt (World confederation for Physical therapy) con
l’obiettivo di riconoscere il lavoro che i fisioterapisti
svolgono per i pazienti e piu’ in generale per la comunita’.
Anche in Italia si tratta dell’occasione per sensibilizzare i
cittadini sui benefici e sull’importanza del ruolo del
fisioterapista, ma e’ anche l’opportunita’ ideale per i
professionisti di celebrare il loro contributo alla salute
globale.
Nel nostro Paese e’ l’AIFI, l’Associazione italiana
fisioterapisti, ad aderire con l’impegno di tutte le sedi
regionali e l’organizzazione di eventi che coinvolgono i
cittadini per dimostrare quanto sia importante il sostegno al
loro benessere, in tutte le fasi della vita quotidiana. “Siamo
abituati a pensare al fisioterapista come al professionista che
entra in azione dopo una patologia o un intervento in eta’
adulta- spiega il presidente dell’AIFI, Mauro Tavarnelli- Invece il suo campo di intervento investe ambiti che vanno dall’infanzia alla terza eta’, e non manca l’aspetto della prevenzione, per esempio con le posture scorrette, oppure della gestione nel modo piu’ adeguato delle patologie croniche o di quelle progressive”. Inoltre, proprio in occasione della Giornata mondiale, da
sempre l’AIFI rivolge particolare attenzione alla questione
dell’abusivismo, che mette a repentaglio il lavoro serio e
professionale dei tanti fisioterapisti: dunque per il ‘suo’ 8
settembre l’associazione ha dato vita alla campagna
caratterizzata dallo slogan #LeManiGiuste, che si sviluppa su
diversi canali, a partire dal web (lemanigiuste.aifi.net) e dai
social network. Lo scopo e’ far capire che e’ fondamentale
affidarsi a mani sicure, quelle di un professionista riconosciuto e competente.

E il 2018 si sta rivelando un anno fondamentale per il riconoscimento professionale del fisioterapista, grazie all’entrata in vigore delle disposizioni per la futura istituzione dell’Ordine, conseguentemente alla creazione dell’Albo dei fisioterapisti. Sara’ questo uno dei temi di primaria importanza che verranno discussi nell’evento nazionale che l’AIFI ha organizzato sabato all’Hotel Continental di Tirrenia (frazione del Comune di Pisa), dal titolo ‘Giornata
Mondiale della Fisioterapia. Un professionista all’inizio
dell’Ordine’. La volonta’ dell’associazione e’ quella di avviare
una riflessione sui passaggi che la trasformeranno in
associazione tecnico-scientifica di supporto all’azione politica:
sara’ determinante quindi il contributo di alcune figure di
rilievo a livello sia regionale che nazionale, con le quali
sottolineare l’importante momento storico della fisioterapia
italiana. Nel dettaglio, la giornata di approfondimento sara’ inaugurata alle 9 con il saluto istituzionale di Gino Petri, presidente di AIFI Toscana, che lascera’ quindi spazio a una successione di interventi, tra cui ‘Gli adeguamenti necessari alla nuova legge sulla privacy (Gpdr)’, ‘La professione in Ordine: attualita’ a due mesi di distanza dall’inizio delle procedure’. Perno centrale sara’ la Tavola rotonda ‘Essere fisioterapista oggi: dall’agire quotidiano ai rapporti con associazioni e societa’ scientifiche passando per il mondo del lavoro’, moderata dal presidente di AIFI, Mauro Tavarnelli, e a cui parteciperanno tra gli altri il presidente Conaps, Antonio Bortone, e Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale Ordini TSRM e PSTRP. La giornata si concludera’ dopo le 17.30 ed e’ rivolta a tutti i fisioterapisti (partecipazione gratuita per i soci AIFI), oltre a costituire un evento accreditato in ECM per 150 fisioterapisti, con prova finale e compilazione di un questionario.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»