Egitto, Human rights watch: “Da Al Sisi luce verde sull’uso della tortura”

"L'impunità per l'uso sistematico della tortura ha lasciato i cittadini senza alcuna speranza di ottenere giustizia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Egitto, “il presidente Al-Sisi ha dato alla polizia e agli agenti della Sicurezza Nazionale la ‘luce verde’ per usare la tortura ogni volta che vogliono“. A dirlo è Joe Stork, vice-direttore per il Medio Oriente dell’Ong Human Rights Watch, commentando il report ‘Qui facciamo cose irragionevoli- Tortura e sicurezza nazionale nell’Egitto di Al-Sisi’, pubblicato oggi dall’ong per i diritti umani.

“L’impunità per l’uso sistematico della tortura ha lasciato i cittadini senza alcuna speranza di ottenere giustizia“, prosegue Stork. E per Human Rights Watch “la tortura generalizzata e sistematica da parte delle forze di sicurezza costituisce probabilmente un crimine contro l’umanità”.

Nel testo pubblicato on-line dall’organizzazione sono riportate le storie di venti persone che hanno subito trattamenti inumani e degradanti da parte della polizia regolare e degli apparati di sicurezza tra 2014 e 2016. Le tecniche di tortura su cui Human Rights Watch ha raccolto 19 testimonianze dirette includono percosse, scosse elettriche, posizioni dolorose e violenze sessuali. Dal colpo di stato del 2013, le autorità egiziane hanno probabilmente arrestato o incriminato almeno 60mila persone, stima Human Rights Watch, mentre centinaia sono state le vittime di sparizione forzata, e migliaia i civili giudicati in tribunali militari.

LEGGI ANCHE

Regeni, Alfano: “Ambasciatore torna al Cairo, impossibile non avere rapporti con l’Egitto”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»