Regionali, ora per vincere Ceccardi ripesca slogan Rossidel 2015

La candidata del centrodestra ha volutamente ripreso alcuni slogan dell'attuale governatore in polemica con quanto fatto a sinistra: "La Toscana deve recuperare il tempo perso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Per battere Eugenio Giani, Susanna Ceccardi schiera anche Enrico Rossi. Da alcune ore è partita la campagna affissioni a Firenze e in altre città della Toscana della candidata del centrodestra alla presidenza della Regione. E nei manifesti l’eurodeputata leghista sceglie lo stesso claim adottato per le elezioni del 2015 dal governatore uscente: ‘Toscana, ci siamo‘. Non si tratta di un inciampo involontario nel medesimo messaggio per mancanza di creatività, ma di una precisa scelta politica. Questo almeno si ricava dalla spiegazione che offre la stessa esponente del Carroccio in un post su Facebook.

“Sono passati cinque anni- afferma- da quando Enrico Rossi si presentò ai toscani con questo slogan. Sono 20 anni che Rossi, prima come assessore e poi come presidente, governa la nostra regione. Sono 50 anni che il Pd e i suoi antenati politici detengono il potere in Toscana”. Nel frattempo, punta il dito, “la Toscana ha perso posti di lavoro e competitività, ha rallentato, si è fermata, si è impoverita. Giani si presenta ai toscani con il motto ‘Toscana, più forte e unita’. Queste parole, apparentemente in discontinuità con il passato, sono il segno del loro fallimento”.

LEGGI ANCHE: Regionali Toscana, Ceccardi: “Nessun patto di non belligeranza, altrimenti non avrebbero scelto me”

Per Ceccardi non ci sono dubbi possibili sul bilancio che è possibile tracciare sull’ultimo decennio del Pd alla guida della Regione: “La verità- sostiene- è che non ci sono stati. La Toscana ha bisogno di recuperare il tempo perso, di un forte cambio di passo, di una squadra che c’è col cuore e con la testa”. In questa ottica si rivela i senso del ‘ci siamo’ declinato in chiave leghista: l’opportunità concreta di una svolta incarnata da un centrodestra che promette di essere davvero pronto a governare.

“Il cambiamento- conclude- finalmente è a portata di mano. Toscana, ci siamo. #perdavvero”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»