Roma, una linea metro ‘riciclata’: ecco le 11 opere d’arte Maupal-Corepla

Dalla Tomba di Nerone al Trullo, passando per il centro della Capitale, ogni fermata è un'opera d'arte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
METRART 0
METRART 11
METRART 10
METRART 9
METRART 8
METRART 7
METRART 6
METRART 5
METRART 4
METRART 3
METRART 2
METRART 1

ROMA – Roma si è svegliata con una nuova linea della metropolitana. Una linea immaginaria “che ci guiderà fuori dagli ingorghi e dagli schemi, verso nuovi orizzonti della consapevolezza. Per capire che il riciclo è arte”.

La MetrArt – una metro fatta ad arte – attraversa Roma con 11 nuove fermate ‘FermArt’, realizzate con la plastica raccolta dai cittadini di tutta Italia e riciclata da Corepla: ad assemblare tappi, flaconi, bottiglie, scaglie, granuli, e a immaginarne un insolito riciclo è stato lo street artist Mauro Pallotta, in arte Maupal, con la collaborazione dell’artista 3K.

Dalla Tomba di Nerone al Trullo, passando per il centro della Capitale, ogni fermata è un’opera d’arte, una scultura che evoca il luogo scelto per la sua collocazione e guida i viaggiatori tra le infinite possibilità del mondo del riciclo degli imballaggi in plastica.

MetrArt, spiega ancora una nota, è un invito ad affrontare anche i temi più complessi con occhi nuovi, con creatività e spirito di intraprendenza. Per salire a bordo è richiesto il nuovo biglietto Bit ‘Basta Impegnarsi Tutti’, distribuito per l’occasione. Basta cambiare prospettiva e, anche in una notte, i problemi possono trasformarsi in risorse.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»