Roma, si rompe una tubatura: geyser di 10 metri a Monteverde – VIDEO

Chiusa la strada nel tratto interessato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Geyser questa mattina in via di Monteverde. Dalle ore 6 di questa mattina in direzione largo San Vincenzo De Paoli, dalla sede stradale, a causa della probabile rottura di una tubazione, un forte getto di acqua alto più di 10 metri ha inondato la strada oltre ad attirare la curiosità dei passanti. Sul posto è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco del comando di Roma. Al momento non ci sono feriti o danni particolarmente gravi. Chiusa la strada nel tratto interessato.

f84c9281-a8b2-4656-b82e-4f448a950c99
5c9e6b85-2be1-4a15-b02f-b7688aead3b8
c99838f2-1c39-4246-b6f0-c74bc037e823
a2599c0f-cd07-4dac-92f4-4ca0bd02e90b

Allagamenti a Roma a causa del geyser di circa 10 metri che ha svegliato questa mattina i residenti di via di Monteverde. A creare maggior disagio è stata la prolungata fuoriuscita dell’acqua. Secondo quanto raccontano alcuni testimoni, infatti, “le prime avvisaglie di una perdita si erano avute già nella notte intorno alle 5, poi alle 6 il getto d’acqua si è fatto largo nell’asfalto”, finendo a ridosso di una palazzina e causando allagamenti in diversi appartamenti.

L’acqua è stata chiusa in tutta la zona poco fa, il geyser avrebbe quindi inondato la zona per circa due ore. Attualmente sono state rimosse da parte della Polizia municipale le macchine per verificare la tenuta del manto stradale attorno alla voragine creata dall’acqua in cui è parzialmente caduta un’auto in sosta.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»