Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I ‘doppi Giochi’ di due atlete disabili a caccia di successi

Ora in gara alle Olimpiadi, fra un mese alle Paralimpiadi. Si allunga anche quest'anno la lista degli atleti capaci di gareggiare in entrambe le competizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ora in gara alle Olimpiadi, fra un mese nuovamente alle Paralimpiadi. Si allunga anche quest’anno la lista degli atleti capaci di gareggiare in una stessa edizione dei Giochi sia nell’edizione olimpica sia in quella paralimpica.

mellissa tapper

La storia di Melissa

L’ultima della serie e’ una ventiseienne australiana, Melissa Tapper, che diventa la prima atleta della sua nazione a mettere a segno la doppietta: “Non riesco a credere di far parte della storia del mio Paese”, dice. “Sono entusiasta, e’ un risultato dovuto ad un duro lavoro: Rio sara’ un’esperienza di vita, voglio fare del mio meglio alle Olimpiadi e vincere l’oro alle Paralimpiadi”.

Melissa e’ una giocatrice di tennistavolo: quattro anni fa ha partecipato alle Paralimpiadi di Londra, arrivando fino alla semifinale, poi nel 2014 la prima esperienza al di la’ dei confini paralimpici, con i Giochi del Commonwealth. Ora la qualificazione alle Paralimpiadi di Rio ma anche alle Olimpiadi, dove sara’ in gara sia nella prova individuale che in quella a squadre. La sua Olimpiade inizia subito dopo la cerimonia di apertura, con le gare eliminatorie del singolare previste per sabato 6 agosto. La gara a squadre invece partira’ venerdi’ 12 agosto. Tapper soffre di un deficit neurale al braccio destro, ha una lesione del plesso brachiale con conseguente paralisi di Erb: non esattamente un deficit di poco conto per un’atleta di tennistavolo, data l’importanza del movimento degli arti superiori.

L’australiana entra cosi’ a far parte del ristretto club di atleti capaci di partecipare a Olimpiadi e Paralimpiadi. Il piu’ celebre, anche per le lunghe discussioni e le polemiche che accompagnarono la sua partecipazione, e’ senza dubbio Oscar Pistorius, escluso dai Giochi Olimpici di Pechino 2008 ma poi ammesso a quelli di Londra 2012. O come la statunitense Maria Runyan, cieca, che corse i 1500 metri a Sidney 2000 e Atene 2004.

Le campionesse del passato

La prima della serie fu la neozelandese Neroli Fairhall, che nel 1980 vinse le Paralimpiadi e quattro anni dopo riusci’ a qualificarsi per le Olimpiadi di Los Angeles (si piazzo’ dopo le prime 30). Sempre nel tiro con l’arco, disciplina che evidentemente si presta alla compresenza di atleti disabili e non, e’ d’obbligo ricordare l’esperienza di Paola Fantato, la campionessa azzurra capace di partecipare a Olimpiadi e Paralimpiadi nella stessa edizione dei Giochi, quelli di Atlanta ’96 (fu oro alle Paralimpiadi).

narah_nemati

Zahra, portabandiera in carrozzina

A ripetere le gesta di Fantato ci sara’, in questa edizione di Rio 2016, un’altra grande del tiro con l’arco: l’iraniana Zahra Nemati. Lei e’ la campionessa paralimpica in carica dopo la vittoria individuale a Londra 2012, quando divenne la prima donna iraniana della storia a vincere una medaglia d’oro ai Giochi (olimpici o paralimpici). Si appresta anche lei a partecipare alle Olimpiadi, e con un biglietto da visita niente male: il secondo posto ai campionati asiatici dell’anno scorso. Prima di gareggiare, ha avuto anche l’onore di essere la portabandiera del suo paese alla cerimonia di apertura: la delegazione olimpica di un paese come l’Iran guidata da una donna, e da una donna in carrozzina. La storia si scrive anche cosi’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»