hamburger menu

I vincitori di Musicultura 2023 Santamarea: “Vi presentiamo la nostra ‘impresa’ a conduzione familiare”

La band si è aggiudicata il primo premio e anche tutta una serie di riconoscimenti che testimoniano quanto siano da tener d'occhio. Tre fratelli e l'amica di sempre: il gruppo siciliano, alla sua prima esperienza, ora si butta nella musica. Stasera la finale della manifestazione su Rai2

Pubblicato:06-07-2023 16:56
Ultimo aggiornamento:06-07-2023 16:57
Canale: Spettacolo
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Foto di Massimo Zanconi

ROMA – Vengono da Palermo, dal comune marinaro di Carini per la precisione, e sono pronti a conquistare la scena contemporanea nazionale. Il primo passo lo hanno fatto vincendo Musicultura 2023. Stiamo parlando dei Santamarea, che hanno vinto la manifestazione con il brano omonimo prodotto da Roberto Cammarata (che ha lavorato anche con La rappresentante di lista). E, oltre al premio di 20mila euro di Banca Macerata, la band siciliana si è aggiudicata anche la Targa della Critica Piero Cesanelli, il Premio PMI per il miglior progetto discografico e il Premio per il miglior testo. 

Spontanei e con la giusta dose di ingenuità per affrontare il mondo della musica, i Santamarea sono una vera ‘azienda’ a conduzione familiare. La band è formata dai fratelli Stefano (voce, synth), Francesco (chitarra elettrica, cori) e Michele Gelardi (batteria, cori) e l’amica di sempre Noemi Orlando (basso elettrico, cori). Suonano insieme da quando sono piccoli.

LEGGI ANCHE: Musicultura 2023, vincono i palermitani Santamarea

Di vincere, di certo, non se lo aspettavano. Ne sono testimonianza le 4 facce incredule all’annuncio fatto da Carolina Di Domenico e Flavio Insinna allo Sferisterio di Macerata.

“È stato proprio una sorpresa- dicono alla Dire – non ce l’aspettavamo, non solo l’essere i vincitori assoluti, ma anche tutti quei premi. Ogni riconoscimento è importante“. Un piccolo tassello per un gruppo che ha iniziato il proprio percorso solo a fine 2022. Musicultura – così come è stato per i Santi Francesi – non potrà che essere un bel punto di partenza.

“Musicultura per noi è stato un momento di crescita- spiegano- ci siamo lanciati in questa esperienza come ci si lancia nell’ignoto. Poi è diventato sempre più importante. Arrivavano dei consigli e li ascoltavamo, per esempio sullo stile o sulle sonorità. Ascoltando su YouTube la nostra primissima esibizione a Macerata e poi l’ultima allo Sferisterio si sente che c’è stato un cambiamento nel tipo di suoni, nel modo di suonare e di stare sul palco. L’abbiamo presa così”.

I 20mila euro del premio Banca Macerata, sommati alle cifre delle altre targhe, permetteranno ai Santamarea di lavorare al proprio progetto e presto potrebbe uscire una nuova canzone. Di questo e molto altro ci hanno parlato nella chiacchierata che segue.

Per vedere la finale di Musicultura, invece, basta collegarsi stasera su Rai2 alle 23.30. Tra gli ospiti sul palco i Santi Francesi, Paola Turci, Fabio Concato, Simone Cristicchi e Amara, Ermal Meta e Dardust.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-07-06T16:57:55+02:00