Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lamorgese: “No scudo penale per i sindaci ma rivedremo norma sulla responsabilità”

Domani a Roma è prevista una manifestazione dei primi cittadini che sfileranno anche per chiedere al Governo di rivedere le norme sull’abuso d’ufficio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il caso del sindaco di Crema Stefania Bonaldi, che ha ricevuto un avviso di garanzia perché un bimbo si è schiacciato un dito all’asilo in una porta tagliafuoco, “è soltanto uno degli esempi, perché purtroppo ce ne sono stati anche altri e questo necessita di una visione differente”. A dirlo è la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo alla presentazione al Senato del libro ‘Le sindache d’Italia. Un viaggio nella storia delle amministratrici italiane’, alla vigilia della manifestazione di domani dei primi cittadini che sfileranno a Roma anche per chiedere al Governo di rivedere le norme sull’abuso d’ufficio.

“Io so bene – osserva Lamorgese – che domani ci sarà un incontro di circa 600 sindaci che verranno a manifestare il loro disagio in un momento particolare in cui si chiede sempre di più all’amministrazione comunale, che è il punto di snodo vero tra il territorio e la comunità. Oggi ci si rivolge al sindaco, non è che ci si rivolge all’amministrazione regionale o ad altre autorità. Il punto di contatto immediato per i cittadini è sicuramente il sindaco. Noi – continua la numero uno del Viminale – abbiamo messo a punto un provvedimento che è di revisione del Testo unico Enti locali e stiamo affrontando anche la questione della responsabilità contabile e della responsabilità penale, tenendo ben presente la distinzione, che si può creare nei casi di rinvii a giudizio o di avvio dell’iter, laddove il sindaco emette un’ordinanza e noi in quell’ambito stiamo lavorando per inserire una qualche norma. Non parliamo sicuramente di ‘scudo penale’, perché è un tema che andrebbe affrontato per tutte le categorie dei pubblici dipendenti, però certamente va fatta una valutazione concreta per distinguere l’attività quando viene portata avanti dai sindaci perché non può essere responsabile un sindaco quando un bimbo mette la mano nella porta oppure se cade un cornicione. Insomma, questo non è ammissibile e da qui viene anche la difficoltà di trovare persone che vogliano partecipare alla vita pubblica” candidandosi alle elezioni come sindaco per timore “di dover affrontare chissà quali problemi giudiziari. Questo non è giusto – conclude Lamorgese – perché la funzione pubblica è la funzione più importante“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»