Nuovi casi di Covid in provincia di Avellino, De Luca: “Più controlli su ingressi in Italia”

Dei 27 casi registrati oggi in Campania, 10 provengono dal cluster di Serino e gli altri 17 da un secondo screening effettuato ai Palazzi ex Cirio di Mondragone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Nuovi casi di Covid-19 si registrano nell’avellinese con un cluster nella zona di Serino. L’Asl di Avellino fa sapere che si riscontrano “8 casi di Covid-19 tra gli appartenenti allo stesso nucleo familiare e i contatti stretti” di una persona residente a Santa Lucia di Serino. Si tratta di un 69enne di origini venezuelane ricoverato da sabato scorso nel Covid hospital del Moscati di Avellino. “E’ stata attivata tempestivamente ogni misura finalizzata a contenere il contagio – si legge in una nota dell’Asl – a partire dall’indagine epidemiologica sui contatti del caso risultato positivo. In particolare, gia’ da sabato 4 luglio il Servizio di epidemiologia e prevenzione dell’Asl ha disposto ed effettuato tamponi naso-faringei ai familiari e contatti”.

I POSITIVI DI OGGI IN CAMPANIA SONO 27, 10 IN IRPINIA

I positivi di oggi, parenti e contatti del 69enne, risiedono nei centri di Santa Lucia di Serino (5), Serino (2) e San Michele di Serino (1). Oggi sono risultati positivi a tampone naso-faringeo anche due cittadini residenti nel comune di Rotondi (non collegati al cluster di Serino) “per i quali l’Azienda sanitaria locale ha in corso l’indagine epidemiologica sui contatti dei probabili casi”. In totale, quindi, dei 27 casi di Covid-19 registrati oggi in Campania, dieci sono in Irpinia. “Resta alta l’attenzione da parte dell’Azienda Sanitaria Locale – prosegue la nota – al fine di contenere l’infezione da Covid-19, pertanto e’ stato disposta la sorveglianza sanitaria e l’ampliamento dell’effettuazione dei tamponi anche a tutti i potenziali contatti, anche non diretti, dei casi risultati positivi”. 

17 POSITIVI DA SECONDO SCREENING A MONDRAGONE

Diciassette dei 27 casi di positivita’ al Covid-19 registrati oggi in Campania sono il risultato di 450 tamponi effettuati ai Palazzi ex Cirio di Mondragone (Caserta) 15 giorni dopo lo scoppio di un focolaio di coronavirus nell’area. Lo rende noto l’unita’ di crisi della Regione Campania. “Per i residui 17 casi positivi – si legge in una nota della task force – e’ in corso il trasferimento nelle strutture sanitarie Covid. Il focolaio e’ al momento spento. Si rende cosi’ possibile alla mezzanotte di domani eliminare la zona rossa. Come da ordinanza, resta l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto per gli abitanti di Mondragone”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus Campania, ‘cordone sanitario’ a Mondragone: 700 persone in isolamento domiciliare

DE LUCA: “PIÙ CONTROLLI SU INGRESSI IN ITALIA”

“Sugli ingressi in Italia occorrono controlli rigorosi”. Lo dice il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Oggi sono stati registrati 27 contagi nel territorio regionale. De Luca rende noto che con un volo diretto New York – Roma si e’ verificato “l’arrivo di un cittadino campano risultato positivo solo dopo i controlli cui e’ stato sottoposto giunto a destinazione, dopo aver viaggiato anche in pullman e in treno. Si segnalano inoltre casi di arrivi di cittadini dell’est, tra cui braccianti e badanti, in assoluta promiscuita’ a bordo di pullman, senza nessun controllo efficace”. 

LEGGI ANCHE: In Veneto stretta sugli arrivi da fuori regione: Zaia prova a fermare il Covid da importazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»