VIDEO | Alluvioni in Giappone, almeno 49 vittime. E l’allerta meteo continua

Il bilancio delle alluvioni che stanno sferzando il sud del Giappone: le evacuazioni riguardano 270 mila persone. E l'allerta meteo non sembra dare treguae
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quarantanove vittime accertate, un numero di sfollati in rapido aumento e previsioni meteorologiche che alimentano l’allarme almeno ancora per domani: è il quadro, provvisorio, tracciato oggi dall’emittente Nhk per le alluvioni che stanno sferzando il sud del Giappone e in particolare la prefettura di Kumamoto.

Testimonianze giunte all’agenzia Dire hanno confermato fughe di abitanti da case invase dall’acqua, con famiglie che hanno rischiato di annegare nel tentativo di mettersi in salvo, prima salendo ai piani superiori e poi riversandosi in strada.


alluvioni giappone

Secondo Nhk, l’allarme inondazioni e frane si è esteso alle vicine prefetture di Kagoshima e Miyazaki, sempre nell’isola di Kyushu. Piogge torrenziali hanno sferzato anche aree delle regioni di Fukouka, Saga e Nagasaki. Oggi, nella prefettura di Kumamoto, le Forze di autodifesa insieme con altri corpi di soccorso hanno continuato le ricerche di sopravvissuti. In qualche caso, riferisce però ancora Nhk, le operazioni sono state sospese per il rischio di nuove frane e crolli. Nel complesso, rispetto a quattro prefetture, le ordinanze per l’evacuazione hanno riguardato 270.000 persone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»