Atac, avanti la raccolta firme dei Radicali per il referendum

E' possibile firmare ogni giorno in punti diversi di Roma. Il 7, 8 e 9 luglio sono stati indetti i Referendum Days: 150 tavoli contemporaneamente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  I Radicali fino a fine luglio raccoglieranno firme per indire il referendum sull’affidamento dei trasporti pubblici romani mediante gare pubbliche.

Sarà possibile firmare ogni giorno in punti diversi della città: i tavoli vengono aggiornati quotidianamente sul sito www.mobilitiamoroma.it e sui canali social dei radicali Roma. Non solo.  Le firme necessarie sono 29mila (per ora ne sono state raccolte diecimila) entro i primi di agosto e allora la mobilitazione diventa straordinaria: il 7, 8 e 9 luglio sono stati indetti i Referendum Days. Cento tavoli per tre giorni, in tutta Roma. Ci saranno anche Emma Bonino, Marco Cappato, Gianfranco Spadaccia e Roberto Cicciomessere.

LEGGI ANCHE

 Atac, i Radicali raccolgono firme per il referendum

Bernaudo: “Atac azienda fallita, firmiamo in massa il referendum dei Radicali”

Il quesito referendario

“Volete voi che, a decorrere dal 3 dicembre 2019, roma capitale affidi tutti i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e su rotaia mediante gare pubbliche, anche a una pluralita` di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, nel rispetto della disciplina vigente a tutela della salvaguardia e la ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»