D’Alema: “Greci coraggiosi, l’Ue se l’è cercata”

ROMA - "Noi oggi abbiamo una strada obbligata: ricercare un accordo. Non per fare un favore alla Grecia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi oggi abbiamo una strada obbligata: ricercare un accordo. Non per fare un favore alla Grecia ma per fare un favore a noi stessi. L’alternativa dell’uscita della Grecia dall’euro ci costerebbe molto piu’ di un salvataggio. Noi dobbiamo evitare uno scenario che sarebbe totalmente imnprevedibile”. La pensa così Massimo D’Alema, sentito da Sky tg24.

d'alema
M. D’Alema

I Greci hanno dimostrato di non avere paura, malgrado la pesantezza della posizione da parte europea”, è l’opinione di D’Alema.

“L’Europa- aggiunge- questo colpo se l’e’ cercato e in particolare e’ stata controproducente la posizione della signora Merkel che ha impedito di trattare fino al referendum”.

“Le politiche conservatrici in Europa sono state la strada sbagliata. Ora e’ necessaria una svolta politica. Purtroppo non mi pare che con sufficiente energia i leader della sinistra europea stiano sostenendo una svolta politica”, prosegue. “La via- spiega D’Alema- non e’ quella di nuovi tagli, la Grecia ne ha avuti tantissimi. La via e’ una ristrutturazione del debito, a piu’ lunga scadenza, e con tassi di interesse che siano tenuti sotto controllo dalle autorita’ europee, in modo che la Grecia possa fare le riforme. L’ammalato sta morendo, bisognera’ pure cambiate terapia. E’ un fatto di buon senso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»