NEWS:

Lubatti (Intesa Sanpaolo): “Fare sistema per affrontare la sfida del futuro”

Temi evidenziati anche nel corso del panel 'Confronto tra Enti e Istituzioni'

Pubblicato:06-06-2024 10:32
Ultimo aggiornamento:06-06-2024 10:33
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

MILANO – Il ‘gotha’ del mondo delle imprese, delle istituzioni e degli opinion leader del digitale alla terza edizione della kermesse di Milano promossa dall’Angi-Associazione Nazionale Giovani Innovatori in collaborazione con gli Uffici del Parlamento Europeo in Italia.

Tra gli interventi sul palco e ospiti dello Young Innovators Business Forum, Claudio Lubatti di Intesa Sanpaolo Innovation Center, che alla domanda ‘Qual è la vostra idea di innovazione’ ha risposto: “Per noi innovazione ha un significato particolare, siamo stati creati come società, quella di Intesa Sanpaolo Innovation Center, proprio per presidiare il mondo dell’innovazione, non soltanto l’innovazione finanziaria ma anche tutto il mondo dell’innovazione inteso come stakeholder e come innovatori che sono presenti sulla sul nostro sistema paese. La nostra volontà è quella di lavorare tra la domanda e l’offerta dell’innovazione, mettere insieme quelle che sono le migliori eccellenze che il nostro territorio può creare in termini di imprese. Accompagniamo inoltre le startup proprio nella fase di costituzione e di creazione d’impresa per metterle poi a disposizione del sistema economico che ha bisogno di innovare e, che per vincere la sfida del futuro, deve assolutamente affrontare con coraggio e facendo sistema il tema dell’innovazione”.

Temi evidenziati anche nel corso del panel ‘Confronto tra Enti e Istituzioni’ dove Lubatti come Head of Relations with Innovation Ecosystem Intesa Sanpaolo Innovation Center è intervenuto insieme a Giorgio Gobbi, direttore Banca d’Italia sede Milano e a Riccardo Di Stefano, presidente nazionale Giovani Confindustria.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it