VIDEO | L’attivista: “Le vite dei neri contano”. A Roma sit-in per George Floyd

Il 7 giugno a Roma in piazza del Popolo, a partire dalle 11, si terra' il sit-in per ricordare la morte dell'afromericano George Floyd, e per dire basta all'impunita'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Anche l’Italia si mobilita per invocare la fine di ogni atteggiamento razzista e per ottenere giustizia: domenica a Roma in piazza del Popolo, a partire dalle 11, si terra’ il sit-in ‘I Can’t Breathe – Black Lives Matter Roma‘, per ricordare la morte dell’afromericano George Floyd, ucciso a Minneapolis il 25 maggio mentre era in custodia di quattro agenti di polizia, ma anche per dire basta all’impunita’.

“Ovunque nel mondo, tante persone ogni giorno commettono violenze di stampo razzista e nessuno fa niente per fermarle; Non vengono neanche sanzionate o denunciate” dice Carolina Myriam Miller, 19 anni e tante radici alle spalle. “Dobbiamo far sentire forte la nostra voce contro ogni ingiustizia: le vite dei neri contano“.

La mamma di Miller e’ di origine boliviana e filippina, il papa’ e’ brasiliano e statunitense. Lei e’ vissuta in Cile, Costa Rica, Brasile, Stati Uniti e ora vive in Italia. All’agenzia Dire racconta la sua esperienza: “Sin da quando sono bambina ho visto tanti episodi di discriminazione“. Un fenomeno che secondo la studentessa non risparmia nessun Paese: “Il razzismo e’ ovunque: da bambina, ho visto gente trattar male mia mamma perche’ ha la pelle scura. Io sono piu’ chiara, ma in Italia, quando e’ scoppiata l’epidemia di Covid-19, alcune persone mi hanno accusato di aver portato il virus per via dei miei tratti orientali“.

Attraverso queste esperienze Miller racconta di aver acquisito “una visione privilegiata: io riesco a vedere il razzismo, mentre tante persone vissute sempre nello stesso luogo spesso non sanno riconoscerlo. Ho amici che usano la parola ‘N’ (nero con la ‘g’, ndr) e non si accorgono di offendere”. Una situazione che, per la studentessa, e’ legata al fatto che il razzismo e’ una realta’ sistemica: “Il mondo e’ dominato dai bianchi, che ovunque hanno scritto la storia. Negli Stati Uniti hanno oppresso i nativi e poi importato gli schiavi dall’Africa ma ancora oggi sui libri di storia vengono descritti come eroi. Questo deve cambiare”. Per raggiungere questo obiettivo, la 19enne studia: “Mi sto laureando in Legge e relazioni internazionali. Il mio obiettivo e’ diventare un’avvocata e poi entrare in politica, perche’ voglio difendere le persone, cambiare le cose”.

Nel frattempo, ha aderito al movimento Women’s March Rome: “E’ la sezione italiana del movimento femminista nato negli Stati Uniti nel 2017, per protestare contro certe affermazioni sessiste del presidente Donald Trump. Da li’ si e’ diffuso in tante citta’ del mondo. Promuove l’uguaglianza e la parita’ tra i sessi attraverso i diritti delle donne”.

Il movimento ha lanciato il sit-in del 7 giugno “e subito hanno aderito tanti altri movimenti” dice Miller: Women’s March Naples, Extinction Rebellion Rome International, 6000 Sardine, Neri Italiani – Black Italians (Nibi), FridaysforFuture Rome, American Expats for Positive Change, Italiana Fraternita’ Haitiana, U.S. Citizens for Peace and Justice – Rome, e Giovani europeisti Verdi.

Saremo una manifestazione pacifica e soprattutto responsabile” conclude l’attivista, consapevole che l’emergenza Covid-19 non e’ finita. Per evitare possibili contagi infatti, gli organizzatori prevedono volontari che nei punti di accesso alla piazza impediranno alle persone senza mascherina di entrare.
Inoltre, i volontari distribuiranno gel igienizzante e faranno rispettare le distanze di sicurezza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»