Fiamme nella notte a Lampedusa: a fuoco i barchini dei migranti

Due giorni fa a Lampedusa si e' registrato lo sfregio alla Porta d'Europa, l'opera d'arte simbolo dell'accoglienza ai migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Fiamme nella notte a Lampedusa, all’interno di due aree in cui vengono stoccati i barconi utilizzati dai migranti per le loro traversate nel Mediterraneo. Gli incendi sono stati domati. Sull’episodio, che sembra avere natura dolosa, indagano la Procura di Agrigento e i carabinieri. 

Due giorni fa a Lampedusa si e’ registrato lo sfregio alla Porta d’Europa, l’opera d’arte simbolo dell’accoglienza ai migranti: l’opera dell’artista Mimmo Paladino e’ stata impacchettata e sigillata con del nastro adesivo da imballaggio e dei teli neri. 

Oggi sull’isola e’ atteso l’arrivo del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano che sui social commenta: “Non e’ questo il volto e il cuore dei lampedusani. Lampedusa e’ luce, bellezza, deve tornare a splendere. Ogni sfregio all’isola, ogni offesa, ogni crimine e’ un crimine contro l’umanita’”.

BARTOLO: QUALCUNO VUOLE DESTABILIZZARE CLIMA A LAMPEDUSA

“Quanto accaduto questa notte a Lampedusa e’ una ferita per gli abitanti dell’isola. Perche’ e’ vero che da anni i lampedusani, che vivono e vogliono continuare a vivere di turismo, aspettavano che quelle barche venissero rimosse. Ma e’ altrettanto evidente che si tratta di un grave gesto alimentato da qualcuno che ha interesse a destabilizzare il clima politico e di convivenza civile sull’isola. La situazione e’ molto tesa, probabilmente dovuta al disagio conseguenza della crisi economica e sociale. Ma tutto questo non rappresenta i lampedusani, che al contrario hanno espresso una condanna unanime per questo gesto”. Cosi’ in una nota l’eurodeputato e vicepresidente della Commissione Libe a Bruxelles, Pietro Bartolo (S&D). 

“I lampedusani – prosegue il parlamentare europeo – aspettano di far ripartire le loro attivita’ e non ci sono le condizioni, a cominciare dalla questione dell’insufficienza dei collegamenti aerei per raggiungere l’isola. Oggi abbiamo la risposta del governo, con il ministro per il Sud, Peppe Provenzano, in visita istituzionale a Lampedusa (la prima dopo il lockdown) per ascoltare gli imprenditori e cercare insieme di costruire delle risposte”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»