VIDEO | Lega contro Azzolina: ‘Bocciata’. E’ bagarre in Aula

La seduta della Camera, ieri sera, è stata sospesa dopo che la Lega che aveva esibito uno striscione con la scritta 'Azzolina bocciata'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Azzolina bocciata. I deputati della Lega ora alla Camera portano la voce di milioni di italiani sul vergognoso Decreto scuola e sulla ministra che vuole il plexiglass tra i bimbi: Azzolina bocciata!”. Lo scrive su facebook Matteo Salvini.

PRESIDENTE ROSATO: RISPETTO PER AZZOLINA, MINISTRA DELLA REPUBBLICA

“Sono consapevole che quando viene chiesta una seduta fiume la tensione in aula aumenta. La presidenza si comporta di conseguenza e assume la tolleranza che ci deve essere verso tutti i gruppi. Invito tutti a rispettare le regole essenziali”. Lo dice il presidente di turno Ettore Rosato intervenendo nell’aula della Camera dove e’ in corso un lungo ostruzionismo da parte di Lega e Fdi sul dl scuola, e dopo la bagarre scatenata dall’esposizione di uno striscione da parte dei deputati della Lega. Tra queste, prosegue, “c’e’ anche il diritto avere il posto che e’ stato assegnato a ogni gruppo e che deve essere rispettato ed e’ un diritto e un dovere da parte di tutti i gruppi di comportarsi seriamente. Resta che io non posso non richiamare il fatto che la ministra Azzolina e’ una ministra della Repubblica e come tale va trattate con il rispetto che cio’ richiede“.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»