Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Draghi: “I minibot? O sono illegali o aumentano il debito”

Il governatore della Bce, Mario Draghi, sulla mozione approvata dal Parlamento sull'emissione di minibot per rimborsare i debiti della pa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I ‘minibot’ o sono soldi e quindi sono illegali o sono debito, perciò lo stock di debito sale. Non penso ci sia una terza possibilità”. Così il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha risposto a una domanda sulla mozione approvata dal Parlamento italiano che autorizza l’emissione di minibond per rimborsare i debiti della Pa nei confronti delle imprese.

LEGGI ANCHE: “Violate regole sul debito”: la Commissione Ue pronta alla procedura d’infrazione contro l’Italia

“La Commissione europea- ha aggiunto Draghi- ha concluso che l’Italia deve ridurre il rapporto debito/Pil e il governo italiano presenterà un programma di riduzione di medio termine. Non credo che verrà chiesto un rapido calo del debito che non è possibile, sarà un piano di medio termine che però deve essere credibile. Credo che questo sia quello che tutti si aspettano”.

“Il Consiglio direttivo- assicura poi Draghi- è determinato ad agire in caso di eventi avversi ed è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, a seconda dei casi, per assicurare che l’inflazione continui a muoversi verso l’obiettivo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»