Dramma a Reggio Emilia, con coltello da cucina trancia la falange del dito alla ex

Arrestato un uomo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con un coltello da cucina ha tranciato completamente la falange di un dito alla ex, che stava tentando di proteggere il suo nuovo compagno. E’ successo a Casalgrande, Comune della provincia di Reggio Emilia, dove il “dramma della gelosia” si è consumato lo scorso maggio. Per quell’episodio, tra l’altro avvenuto davanti agli occhi dei figli della coppia, un uomo è finito ieri in carcere, arrestato dai Carabinieri. La relazione con la compagna -da cui era separato- si era interrotta già un paio d’anni fa, ma lui non si era rassegnato iniziando sin dai primi giorni a perseguitare la donna, che vedeva spesso abitando nell’appartamento sopra al suo. Quando ha visto entrare in casa il nuovo compagno della ex ha prima cercato di colpirlo lanciandogli contro un vaso di fiori preso dal pianerottolo. Poi, preso un grosso coltello da cucina ha iniziato ad inseguirlo minacciandolo fino in cortile da dove la vittima è riuscita a fuggire solo scavalcando la recinzione. Ad avere la peggio, però, è stata la donna che nel tentativo di disarmare l’uomo ha subito gravi ferite, tra cui la lesione completa della falange di un dito. In preda all’ira l’aggressore, individuata l’auto del suo contendente, l’ha poi forzata prendendo alcuni suoi effetti personali per individuarne l’abitazione. La donna, dopo essersi curata la ferite (guarite in 30 giorni) ha denunciato tutto ai Carabinieri, che ieri hanno arrestato l’ex compagno violento. I reati di cui deve rispondere sono: atti persecutori e lesioni personali aggravate, porto abusivo d’armi, furto aggravato e minacce aggravate (nei confronti del nuovo compagno di lei).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»