FOTO e VIDEO | Terremoto, tecnici Invitalia: “Gigi Di Maio dacci stabilità”

A Bologna in piazza architetti e ingegneri che hanno lavorato alla ricostruzione del sisma e che a fine giugno rischiano di perdere il lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Gigi Di Maio, dacci stabilità”. È il ministro del Lavoro il principale obiettivo dei cartelli e degli slogan dei professionisti di Invitalia che in questi anni hanno lavorato alla ricostruzione post-sisma in Emilia-Romagna e che dalla fine del mese potrebbero perdere il lavoro. I lavoratori dell’agenzia controllata dal ministero delle Finanze dalle 10 di questa mattina stanno manifestando di fronte alla Prefettura di Bologna per chiedere la stabilizzazione per tutti e 135 i professionisti, tecnici, ingegneri e architetti, arruolati nel corso degli anni per seguire il processo di ricostruzione, valutando i progetti presentati dalle imprese e dando via libera ai contributi.

Nonostante il lavoro non sia finito, per effetto del Decreto Dignità, il loro contratto di lavoro, in scadenza al 30 giugno, non potrà essere rinnovato e fino ad oggi Invitalia ha negato che possano esserci soluzioni. Per questo Di Maio finisce nel mirino dei lavoratori e compare in un cartello truccato da pagliaccio con la scritta: “Tale e quale il tuo decreto“. E poi: “Gigi Di Maio, la senti questa voce…”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»