Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Monica Bellucci nella terza stagione di ‘Mozart in the Jungle’

La serie televisiva è stata premiata con un Golden Globe come Miglior serie commedia o musicale nel 2016
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È ufficiale: Monica Bellucci sarà Alessandra, una cantante d’opera, nella serie televisiva di Amazon ‘Mozart in the Jungle: Sex, Drugs & Classical Music’. La serie, prodotta da Roman Coppola, Jason Schwartzman e Paul Weitz, svela il dietro le quinte della New York Symphony, dove l’abilità artistica e la creatività si scontrano con inganni, opportunismo e istinto di sopravvivenza.

bellucci

Inoltre, le nuove puntate sono vicine al debutto. Infatti, la produzione dei nuovi 10 episodi di ‘Mozart in the Jungle’ partirà entro la fine di giugno. In Italia, però, siamo in attesa della seconda stagione, che andrà in onda dal 29 giugno su Sky Atlantic.

monica bellucci

Stando al racconto di uno dei portavoce di Amazon, il personaggio di Alessandra “è famoso per le sue performance appassionanti, ma anche per la sua vita sregolata fuori dal palco. Dopo anni lontano dai riflettori, si unisce a Rodrigo (interpretato da Gael Garcia Bernal) per condurre una sua grande performance di rientro sulla scena”. Oltre all’attrice umbra ed all’attore messicano, anche Lola Kirke, Saffron Burrows, Malcolm McDowell e Bernadette Peters.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»