hamburger menu

Appalti truccati nel Barese, indagati cinque dipendenti comunali

"Un articolato sistema di frode": un'impresa campana si sarebbe aggiudicata appalti illeciti per 120 milioni di euro nei comuni di Conversano e Monopoli

06/05/2022
guardia di finanza rimini

BARI – I finanzieri del comando provinciale di Bari hanno notificato, un avviso di conclusione delle indagini preliminari a otto persone, di cui cinque dipendenti comunali e tre responsabili aziendali, indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. Le indagini, coordinate dalla procura di Bari, sono iniziate 4 anni fa e hanno permesso di ricostruire “un articolato sistema di frode” secondo cui un’impresa campana, attiva nel settore della raccolta e gestione dei rifiuti solidi urbani, si sarebbe aggiudicata appalti illeciti per 120 milioni di euro nei comuni di Conversano e Monopoli, nel Barese.

Secondo gli investigatori, l’amministratore unico della società appaltante e due stretti collaboratori avrebbero truccato la procedura di gara indetta dal Comune di Monopoli, capofila dell’area di raccolta ottimale (Aro) 8 di Bari, relativa all’affidamento del servizio di raccolta e trasporto rifiuti sui territori di quattro comuni (Monopoli, Conversano, Polignano a Mare, Mola di Bari) con “collusioni con diversi pubblici ufficiali” che avrebbero omesso “intenzionalmente, nelle fasi dei controlli d’ufficio e delle verifiche utili alla stipula dei contratti esecutivi con le stazioni appaltanti interessate, di segnalare la sussistenza di una serie di esposizioni debitorie con il fisco e con gli enti previdenziali a carico della società affidataria” evitandone l’esclusione dalla gara.

I responsabili unici dei procedimenti dei comuni di Monopoli e Conversano, in concorso con i rispettivi direttori esecutivi del contratto d’appalto “pur essendo a conoscenza delle irregolarità fiscali e contributive per oltre 4 milioni di euro”, accertate consultando la banca dati Durc on line e una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate inviata agli enti pubblici interessati, avrebbero attestato la regolarità dei requisiti di legge previsti dal codice dei contratti pubblici.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-06T13:00:35+02:00