Olimpiadi Tokyo, Pfizer e Biontech doneranno vaccini agli atleti

Tokyo
Accordo firmato con il Cio, le dosi saranno aggiuntive rispetto alle forniture nazionali. Bach: "Grazie, sono uno strumento per la sicurezza dei giochi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Cio accoglie con favore la donazione di vaccini da parte di Pfizer e BioNTech alle squadre dirette ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020″. Lo scrive in una nota il Cio.

Nell’ambito dei piani per garantire la sicurezza e la protezione dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) ha annunciato oggi la firma di un memorandum d’intesa (MoU) con Pfizer Inc. e BioNTech SE per donare le dosi delle società ai partecipanti ai Giochi dei Comitati Olimpici e Paralimpici Nazionali di tutto il mondo. I Comitati Olimpici Nazionali (Noc), prosegue il comunicato, lavoreranno con i loro governi locali per coordinare la distribuzione locale in conformità con le linee guida sulla vaccinazione di ogni paese e in conformità con le normative locali.

Il Cio e il Comitato Paralimpico Internazionale (Ipc), prosegue la nota, stanno lavorando con i Noc (Comitati Olimpici Nazionali) e i Comitati Paralimpici Nazionali (Npc) per incoraggiare e assistere i loro atleti, funzionari e parti interessate dei Giochi che risiedono nei loro territori a farsi vaccinare nei loro paesi d’origine in linea con le linee guida nazionali sull’immunizzazione , prima di andare in Giappone. Questo non è solo per contribuire all’ambiente sicuro dei Giochi, ma anche per rispetto dei residenti in Giappone.

Molti governi nazionali hanno già compiuto passi positivi in questo senso e sono in consultazione con i loro Noc e Npc per vaccinare i partecipanti ai Giochi. Sulla base del feedback dei Noc e degli Npc, si prevede che una percentuale significativa di partecipanti ai Giochi sarà stata vaccinata prima di arrivare in Giappone. Il nuovo MoU (memorandum d’intesa) si aggiunge a questi sforzi. È importante notare, conclude il comunicato del Cio, che eventuali dosi aggiuntive fornite da Pfizer e BioNTech non verranno eliminate dai programmi esistenti, ma si aggiungeranno alle quote esistenti e alle consegne pianificate in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: Vaccini, Usa e Ue aprono su sospensione brevetti. Oms: “In Africa solo 1% dosi”

IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DEL CIO, THOMAS BACH

“Questa donazione del vaccino è un altro strumento nella nostra cassetta degli attrezzi di misure per contribuire a rendere i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020 sicuri e protetti per tutti i partecipanti, e per mostrare solidarietà ai giapponesi”. Lo ha detto il presidente del Cio, Thomas Bach, commentando l’accordo raggiunto con Pfizer e BioNTech per la donazione di vaccini alle squadre dirette ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

“Stiamo invitando gli atleti e le delegazioni partecipanti ai prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici- prosegue Bach- a dare il buon esempio e ad accettare il vaccino dove e quando possibile. Prendendo il vaccino, possono inviare un messaggio potente che la vaccinazione non riguarda solo la salute personale, ma anche la solidarietà e la considerazione del benessere degli altri nelle loro comunità. Vorremmo ringraziare Pfizer e BioNTech per questa donazione molto generosa a sostegno della vaccinazione di atleti e partecipanti ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»