A Reggio Calabria riparte il progetto per il Museo del Mare dell’architetta Zaha Hadid

museo del mare reggio calabria
Verrà realizzato in prossimità del porto cittadino sull'area riqualificata del nuovo waterfront
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “È importante riavviare la struttura, capire i tempi, ma è altrettanto importante riempirla di contenuti. Il Museo del Mare già sappiamo che conterrà al suo interno un acquario, aree per mostre permanenti e temporanee, area ristorazione e un centro congressi. Occorre quindi studiare bene, parallelamente all’avvio dei lavori anche la sostenibilità economica”. Così il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà al termine dell’incontro tecnico convocato per il riavvio delle procedure per il nuovo Museo del Mare di Reggio Calabria progettato dall’architetta Zaha Hadid e che verrà realizzato in prossimità del porto cittadino sull’area riqualificata del nuovo waterfront.

“Si tratta di un percorso all’interno del quale vogliamo coinvolgere le energie attive e positive della città – ha aggiunto Falcolmatà – perché è chiaro che questo dovrà essere un bene inteso come patrimonio collettivo di Reggio Calabria. Per fare in modo che sia tale – ha concluso – vogliamo coinvolgere tutte le associazioni culturali e che operano nel campo sociale, turistico, di categoria, l’università, affinché si realizzi, sin dall’inizio, un percorso partecipato dal quale possano arrivare contributi da inserire nella programmazione e gestione del Museo del Mare”.

Alla riunione hanno preso parte, collegati in videoconferenza, il direttore associato dello Studio Zaha Hadid Architects di Londra Filippo Innocenti, l’assessore ai lavori pubblici di Reggio Calabria Giovanni Muraca, i dirigenti comunali del settore e l’architetto Giovanni Artuso che ha seguito negli anni tutte le fasi dell’iter di approvazione del progetto generale del nuovo waterfront cittadino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»