VIDEO | Nipoti e nonni, le raccomandazioni dell’esperto: “Sì agli incontri, no a baci e abbracci”

Giuseppe Di Mauro, presidente della Societa' italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps), fuga ogni dubbio: e' meglio tutelare i nonni con il famoso metro di distanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://vimeo.com/415541959

ROMA – I bambini che indossano la mascherina potranno abbracciare i nonni? “Continuiamo a mantenere sempre il famoso distanziamento sociale ed evitiamo i baci e gli abbracci, perche’ il Covid-19 si trasmette aria-aria e la mascherina da’ una protezione a circa l’80-90% dei soggetti”. Non ci sono scappatoie, la risposta di Giuseppe Di Mauro, presidente della Societa’ italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps), fuga ogni dubbio: e’ meglio tutelare i nonni con il famoso metro di distanza. 

“Problematici sono i contatti ravvicinati-ricorda il pediatra- abbiamo fatto tanti sacrifici, continuiamo a farli specialmente tra persone care. Laviamoci le mani e teniamo il distanziamento. Purtroppo e’ un virus che conosciamo ancora troppo poco– aggiunge il presidente Sipps- ma sappiamo che per gli anziani, soprattutto con patologie pregresse, rappresenta un rischio. Poiche’ i bambini possono trasmettere questo virus, per i nonni il contatto ravvicinato e’ pericoloso. Pazientiamo ancora un po’ per conoscere meglio il virus- conclude Di Mauro- e vinceremo“.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»