Coronavirus, sindaco Riccione all’attacco: “Diteci i rischi di camminare in spiaggia”

La sindaca di Riccione Renata Tosi medita di ricorrere al Tar contro il divieto d'accesso alle spiagge contenuto nell'ordinanza regionale del 30 aprile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

RICCIONE (Rimini) – Vuole sapere esattamente quali sono, a livello tecnico e scientifico, i rischi legati alla passeggiata sulla spiaggia, il sindaco di Riccione, Renata Tosi. Dopo aver annunciato, qualche giorno fa, l‘intenzione di ricorrere al Tar sul divieto d’accesso alle spiagge contenuto nell’ordinanza regionale del 30 aprile, Tosi oggi chiede la convocazione “con urgenza” dell’Unità di crisi in Prefettura, con tanto di documentazione della direzione generale dell’Ausl Romagna in merito al rischio connesso all’accessibilità della spiaggia. E dunque scrive al prefetto di Rimini, Alessandra Camporota, e al direttore generale dell’Ausl Romagna, Marcello Tonini, per ottenere “dati e documentazione sanitaria e scientifica e di valutarne le eventuali conclusioni in una riunione dell’Unità di crisi in Prefettura”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Riccione vuole aprire la stagione l’1 giugno

Occorre, sostiene la prima cittadina, “conoscere i suggerimenti ufficiali dell’autorità sanitaria e dati tecnico scientifici che hanno corroborato e portato fuori, da una mera discrezionalità, il rischio connesso all’accessibilità della battigia marina per una semplice passeggiata”. Inoltre la prima cittadina di Riccione chiede di poter “valutare correttamente le recenti notizie su condizioni ancora critiche e a rischio collasso di alcuni servizi sanitari e la conseguente indicazione ai cittadini di rimanere a casa, nonostante le aperture previste da governo e Regioni”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Rimini avverte: “Basta idiozie sulle spiagge, dignità anche per il turismo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»