Coronavirus, ecco il superbonus: come ristrutturare casa a costo zero

Fino al 2021 le aliquote detraibili per alcuni interventi di efficientamento energetico (ecobonus) e per le misure antisismiche (sismabonus), passeranno al 110%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ecco come funzionera’ il superbonus previsto dal governo nel dl maggio. La proposta, elaborata dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Riccardo Fraccaro, prevede che fino al 2021 le aliquote detraibili per alcuni interventi di efficientamento energetico (ecobonus) e per le misure antisismiche (sismabonus), passeranno rispettivamente dal 65% e 50% ad un’aliquota del 110%. Questo varra’ sia per interventi importanti che per piccoli lavori. Ecco come funzionera’ con un esempio: se una famiglia effettuera’ lavori sulla propria abitazione per un importo pari a 1000 euro, ricevera’ al momento della dichiarazione dei redditi una detrazione pari al 110% del costo dei lavori (in questo caso quindi 1100 euro), che potra’ usare in compensazione in cinque quote annuali di pari importo. Ma non e’ tutto: le famiglie potranno ricevere, a fronte della cessione della detrazione fiscale, uno sconto in fattura pari al 100% del costo dei lavori da parte dell’impresa che ha effettuato la ristrutturazione. Le famiglie potranno cioe’ effettuare i lavori senza alcun esborso monetario, ma semplicemente vendendo la detrazione fiscale all’impresa che ha svolto i lavori. In questo modo, anche le famiglie con redditi molto bassi o nulli potranno svolgere importanti lavori di ristrutturazione edilizia.

SUPERBONUS E IMPRESE

E le imprese come recupereranno la liquidita? Se vorranno potranno utilizzare il credito d’imposta in compensazione in cinque quote annuali oppure potranno cederlo a terzi per ottenere immediatamente la liquidita’ necessaria. Dopo la prima cessione del credito d’imposta (dalla famiglia all’impresa tramite sconto in fattura), l’impresa potra’ infatti cedere a sua volta il credito a soggetti terzi in tempi estremamente rapidi, per ricevere un flusso di liquidita’ immediata. Oltre all’aumento delle aliquote e’ stata modificata la normativa sulla cedibilita’ delle detrazioni, permettendo sia la cessione agli istituti bancari, prima vietata, sia un numero di passaggi superiore alle due cessioni. In questo modo, il credito d’imposta potra’ circolare illimitatamente ed essere venduto anche agli istituti bancari, e le imprese potranno cosi’ cederlo a un prezzo sufficientemente alto per coprire per intero il costo dei lavori. L’obiettivo e’ che l’impresa non si trovi mai senza la liquidita’ necessaria a coprire i propri costi, e che quindi possa cedere il piu’ velocemente possibile e ad un prezzo sostenibile (comunque non inferiore al 100% del valore della fattura) il credito a banche o a grandi imprese. Facciamo un esempio: la Gufo srl fa lavori per 10mila euro in casa del Signor Rossi. Gufo srl emette una fattura di 10mila euro con uno sconto del 100%. Il Signor Rossi non tira quindi fuori nemmeno 1 euro per i lavori svolti. La Gufo srl si vede riconosciuto dallo Stato un credito d’imposta utilizzabile esclusivamente in compensazione per 11mila euro (110% dell’importo fatturato). A quel punto se Gufo srl cede il credito d’imposta a Delta spa (che puo’ essere sia un’altra impresa che una banca) con uno sconto del 9%, Gufo Srl riceve 10mila e 10 euro, mentre Delta Spa acquista 11 mila euro di credito d’imposta, che potra’ utilizzare per 5 anni per un importo annuale di 2 mila e 200 euro.

I BENEFICI PER CITTADINI, IMPRESE E STATO

La proposta di Fraccaro punta a produrre un virtuoso meccanismo di mercato in cui le famiglie potranno effettuare lavori di ristrutturazione senza alcun esborso monetario, le piccole e medie imprese potranno lavorare di piu’ grazie ai maggiori incentivi, gli istituti di credito o le grandi imprese potranno acquistare il credito d’imposta dalle imprese che hanno svolto i lavori per pagare meno tasse, e lo Stato potra’ vedere aumentare l’occupazione e il PIL con un impatto sui saldi di finanza pubblica diluito su piu’ anni. In questo modo, non aumenteranno solo il PIL e l’occupazione ma anche il gettito fiscale, e proprio grazie agli effetti moltiplicativi dell’investimento iniziale la misura si ripaghera’ praticamente da sola.

Una misura volano per l’economia nazionale e in particolare per l’edilizia, il settore che ha subito la crisi piu’ pesante nell’ultimo decennio, registrando un crollo del 25% degli investimenti e vedendo ridursi di 600 mila unita’ la forza lavoro. Nonostante questo, rimane uno dei settori piu’ integrati del nostro sistema economico, in cui ogni euro investito produce ricchezza in tutti gli altri settori economici e nell’intero sistema produttivo, con un importante effetto moltiplicativo in termini di maggiore occupazione e di maggiore reddito. La proposta garantirebbe, inoltre – spiegano dal governo – importanti effetti sulla messa in sicurezza del nostro territorio, sulla riduzione di emissioni fossili e sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, creando quella sinergia fondamentale tra sviluppo economico e contrasto ai cambiamenti climatici. “È finito il tempo in cui lo Stato guarda inerme la chiusura delle imprese, il crollo degli investimenti, e il deterioramento del nostro patrimonio edilizio. Con questa proposta, lo Stato offre un incentivo e una procedura semplice ma efficace per far si’ che ogni famiglia, abbiente o non abbiente, possa svolgere lavori di ristrutturazione e di efficientamento energetico. Le imprese – concludono a Palazzo Chigi – avranno cosi’ un flusso aggiuntivo di domande di lavori, e potranno recuperare cosi’ gran parte del reddito perso in queste settimane di lockdown”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»